Roma, 9 ago. (Labitalia) - Casa, figli, salute, istruzione e lavoro. Sono solo alcune delle voci che beneficiano delle 466 tax expenditures (l'insieme delle spese fiscali che riducono il prelievo per i contribuenti) nel mirino del governo per trovare le risorse necessaria alle misure della prossima legge di bilancio. Tra detrazioni, deduzioni, esenzioni e crediti d'imposta si raggiunge la cifra complessiva di 54,9 miliardi nel prossimo anno, da ripartire in 121,9 milioni di restituzioni per un beneficio medio per singolo sconto pari a 444,7 euro. I dati sono contenuti nel 'Rapporto annuale sulle spese fiscali 2017' redatto dalla commissione per le Spese fiscali del Mef, ed elaborati dall'Adnkronos. I soggetti e categorie di beneficiari vanno dalle persone fisiche, alle imprese, passando per le banche, assicurazioni e associazioni no profit. A ricevere la quota maggiore di sconti sono le persone fisiche, che da sole 'riscuotono' 116,3 milioni di benefici (95,3% del totale), pari a 40,5 miliardi di euro (73,6%). Va ricordato che ogni soggetto può ricevere più di un bonus fiscale (le persone fisiche possono usufruire di sconti sulla casa, sui famigliari a carico, sul lavoro, ecc.). Dalle ultime dichiarazioni dei redditi (2017) le persone fisiche risultano 40,9 milioni, perciò ogni contribuente dovrebbe ricevere il prossimo anno in media quasi 1.000 euro di sconti fiscali. I restanti 14,4 miliardi di euro di tax expenditures vanno divisi tra onlus, imprese e società, persone giuridiche, banche e assicurazioni, soggetti e categorie particolari, stato ed enti pubblici. Vanno divisi in 5,7 milioni di beneficiari, pari a 2.557 euro per singolo beneficio. A ricevere una quota sostanziosa della somma rimasta sono i soggetti e categorie particolari, che hanno diritto a sconti per 5,8 miliardi; seguiti dalle imprese e società che ricevono altri 3,5 miliardi e dalle banche e assicurazioni (1,8 mld). E' proprio quest'ultima categoria di beneficiari che, in termini assoluti, riceve il bonus più sostanzioso. La quota di 1,8 miliardi va infatti divisa tra soli 607 beneficiari, per un importo medio che supera di poco i 3 milioni di euro. I 5,8 miliardi che vanno alle categorie particolari vanno invece divisi tra 2,8 milioni di beneficiari, per uno sconto medio di poco superiore ai 2.000 euro.

in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

motori
Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
NAPOLI TECH UNA SCIA DI STARTUP DIETRO APPLE & CO.
di Anna Capuano
Reddito di cittadinanza? Meglio investire sui centri per l'impiego
di Massimo Puricelli
"Merkel-Macron, principi feriti dell'Ue". Repubblica sempre fedele ai potenti
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

I sondaggi di AI

La manovra farà crescere il Pil dell'1,5% nel 2019 come indicato dal governo M5S-Lega?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.