Roma, 6 giu. (Labitalia) - Innovazione è una parola chiave per lo sviluppo dell'Italia e "c'è una misura promossa da questo governo che sicuramente può aiutare la diffusione dell'innovazione: quella sulla digital innovation e sul digital manager, una misura che per una volta finanzia le competenze e non solo investimenti su macchine e software". Lo dice ad Adnkronos/Labitalia Mario Mantovani, presidente della Cida, la confederazione dei dirigenti pubblici e privati. L'Italia è un Paese "che ha molte competenze -aggiunge Mantovani- e, quando i manager sono messi in condizione di svilupparle, portano buoni risultati, come nel caso dei colleghi che lavorano a livello internazionale che spesso hanno ottime performances". Per l'innovazione "noi siamo pronti: stiamo preparando un elenco -ribadisce il presidente della Cida- e stiamo formando e qualificando i nostri manager che, magari, hanno le competenze tecniche, ma devono avere anche quelle gestionali e manageriali per portarle nelle piccole realtà meno abituate a investire sull'innovazione, in modo tale da favorire anche e soprattutto il loro sviluppo"."L'Italia -spiega il presidente della Cida- ha un sistema di aziende molto disomogeneo: ci sono territori che hanno performance molto positive, che non riguardano solo la manifattura che esporta, ma anche le aziende della distribuzione avanzata, del commercio e dei servizi, settori dove sono stati 5 anni di crescita. Il problema sta in altri settori come le costruzioni o certi territori che hanno poca presenza di imprenditorialità votata alla crescita. Oggi, invece, l'Italia ha bisogno di avere più aziende votate alla crescita".E non è una questione di dimensioni, ci tiene a sottolineare Mantovani: "Anche aziende piccole, se hanno un piano di crescita, possono accedere a capitali, conoscenze, in maniera molto più agevolata di 15-20 anni fa. Questo dovrebbe essere il mantra dell'imprenditore italiano: fare ogni giorno un passo per la crescita. Fino a che, invece, si rimane nella logica del controllo dell'azienda (che chiaramente crescendo si tende a perdere) e fin quando ci sono resistenze all'introduzione di manager e di nuove professionalità, di investimento in nuove conoscenze e competenze, saremo sempre vincolati a rimanere in settori che crescono poco e remunerano poco i dipendenti".Un circolo negativo, aggiunge Mantovani, che "non innesca neanche una crescita dei redditi e il cui risultato è quella che appare come una stagnazione quasi irreversibile in questi anni".Eppure, la domanda di manager è in crescita. "Nel nostro settore -conferma Mantovani- la crisi è stata superata. Io vengo dal terziario dove abbiamo avuto un paio di anni di lieve diminuzione (2011-12), ma sia prima che dopo abbiamo avuto crescita di lavoro per i dirigenti"."In realtà, c'è una forte domanda di professionalità manageriale -assicura Mantovani- che però non sempre si incontra con la struttura dell'impresa, perché se l'azienda è di dimensioni troppo limitate fatica ad inserire un manager e a sostenerne i costi. Ma tutti gli studi sul futuro del lavoro mostrano che la domanda di managerialità è in aumento, e siamo ottimisti".Le aziende, l'organizzazione, i processi e i prodotti del lavoro cambiano a forte velocità e anche il manager 4.0 è una figura nuova. "Il manager -osserva Mantovani- non è in effetti più il vertice di una piramide di persone, il 'capoufficio' di una volta. E' sempre un portatore di competenze evolute e di livello elevato, ma questo è il punto di accesso. In più, oggi, ciò che caratterizza il manager è la capacità di guidare un team di persone e di assumersi responsabilità di tipo finanziario ed economico. C'è anche la dimensione di affrontare e gestire i rischi, quindi di avere le metodologie che permettono a un'organizzazione di ridurre i rischi"."Anche Cida, quindi, sta cambiando, come stanno cambiando le aziende. La Confederazione raggruppa manager sia pubblici sia privati e io vedo una necessità e molti segnali di innovazione anche nel settore pubblico: c'è una generazione di dirigenti pubblici che non può essere associata al Moloch della burocrazia, sono persone che hanno capacità volontà e desiderio di cambiare in meglio il futuro delle loro organizzazioni", conclude Mantovani.

in evidenza
Ludovica Pagani senza reggiseno Foto da urlo della 'nuova Diletta'

Belen, sotto il lenzuolo niente

Ludovica Pagani senza reggiseno
Foto da urlo della 'nuova Diletta'

in vetrina
Sorteggi Champions League ottavi: Chelsea-Juventus, Barcellona-Atalanta se...

Sorteggi Champions League ottavi: Chelsea-Juventus, Barcellona-Atalanta se...

motori
Mercedes punta sull’innovazione con Marco Polo

Mercedes punta sull’innovazione con Marco Polo

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Sanità, no al super ticket, sì a borse di specializzazioni e infrastrutture
di Mariella Colonna
3A Sport. Execus ottimizza le dinamiche Linkedin e la comunicazione sui social
di Paolo Brambilla - Trendiest
Mussolini ha fatto più di tutti per gli operai. A colloquio con Franco Loi
di Angelo Maria Perrino

I sondaggi di AI

Ipotesi elezioni politiche a fine marzo. Chi voteresti?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.