Milano, 27 mar. (Labitalia) - Anche i big data hanno fatto il loro ingresso nelle direzioni Hr. Secondo il Talent Trends Report 2019 di Randstad Sourceright, società di Randstad, leader mondiale nei servizi per le risorse umane, il 72% dei C-suite sta già investendo nei talent analytics relativi ai dipendenti e ai collaboratori esterni, più di quanti investano in piattaforme di formazione e sviluppo del personale (63%), strumenti per la gestione della forza lavoro (62%) e in sistemi per l’analisi del traffico delle candidature (57%). L’83%, poi, è convinto che questa tecnologia giochi un ruolo cruciale nelle attività di attrazione e coinvolgimento e del talento, e il 71% che i nuovi strumenti aiutino a selezionare il candidato più idoneo, riducendo notevolmente i rischi di errore.In un momento di forte carenza di competenze, spiega il Report, le imprese guardano anche alla robotica per coprire i posti di lavoro vacanti, soprattutto nei paesi in cui il calo demografico nella fascia di età 26-55 anni è più marcato. L’83% del campione crede che la robotica avrà sul proprio business un impatto paragonabile a quello della talent scarsity o del calo demografico e l’87% pensa lo stesso della HR automation. I settori che saranno più colpiti dall’automazione e dalla robotizzazione saranno l’IT e le posizioni tecniche (35%), il marketing (33%) e le vendite (31%).La ricerca ha anche elaborato due indici che fotografano il grado di maturità delle imprese per quanto riguarda le azioni e l’adozione del “total talent model” nei 17 paesi analizzati. Il “Total Talent Readiness Index” misura come gli human capital leader vedano le loro aziende in termini di budget dedicato a modelli di total talent e se siano lungimiranti nella crescita di business e nelle assunzioni. Con un valore superiore a 100, che individua le aziende pronte e propense ad investire e adottare strategie di total talent, si trova il 60% dei paesi oggetto dell’indagine, fra i quali emergono la Germania (174), il Giappone (171) e il Regno Unito (158). A un valore in media o inferiore a 100, invece, si trovano le imprese meno preparate, fra cui quelle italiane, che si attestano su un valore pari a 101 (in crescita di 16 punti rispetto agli 85 del 2018).Il “Total Talent Adoption Index”, invece, mostra come le aziende stiano utilizzando la tecnologia per attrarre, coinvolgere e trattenere i talenti, quanto siano focalizzate sull’innovazione e per quali scopi stiano investendo in talent analytics. Anche in questo caso, l’adozione è più frequente nei paesi dove il tasso di scarsità di talenti è più elevato, come in Giappone (158), Germania (157), Australia (142) e Regno Unito (141). L’Italia si colloca in terz’ultima posizione, a quota 97 (comunque in crescita rispetto agli 85 punti del 2018), dopo il Messico (102) e davanti a India (95) e Stati Uniti (89).

in evidenza
Kinsey Wolansky a tutto campo "Mai fatto film porno. E poi..."

Sport

Kinsey Wolansky a tutto campo
"Mai fatto film porno. E poi..."

in vetrina
ASCOLTI TV, ITALIA-BRASILE A FORZA 7,3 MILIONI DI SPETTATORI. AUDITEL RECORD

ASCOLTI TV, ITALIA-BRASILE A FORZA 7,3 MILIONI DI SPETTATORI. AUDITEL RECORD

motori
La concept car Alfa Romeo Tonale si aggiudica il “Car Design Award 2019”

La concept car Alfa Romeo Tonale si aggiudica il “Car Design Award 2019”

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Milano: il CMTF partecipa al Forum 2019 delle Scuole di Psicoterapia
di Paolo Brambilla - Trendiest
Giorgetti commissario Ue? Salvini ci crede, ok Cinquestelle
di Angelo Maria Perrino
Con il sistema S-400 russo, la Turchia si rende incompatibile con la Nato
di Niram Ferretti & Bepi Pezzulli

I sondaggi di AI

L'Unione europea minaccia la procedura di infrazione contro l'Italia. Che cosa ne pensi?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.