Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

L'appello del presidente dei librai al neo-ministro della Cultura Franceschini

"Per fortuna non partiamo da zero. Mi auguro che il neo-ministro Dario Franceschini voglia seguire le orme del suo predecessore Massimo Bray. L'Italia merita un Piano nazionale della lettura...". Su Affaritaliani.it interviene il presidente dell'Associazione librai italiani Alberto Galla - INTERVISTA E SPECIALE

franceschini

di Antonio Prudenzano
su Twitter: @PrudenzanoAnton

La settimana scorsa ci siamo occupati del brusco stop ai lavori del gruppo di lavoro che sta preparando l'ambizioso Piano per la lettura (voluto da Massimo Bray) causato dalle improvvise dimissioni di Enrico Letta e dal conseguente cambio della guardia al ministero dei Beni Culturali, con l'arrivo di Dario Franceschini.  Ancora una volta, quindi, l'instabilità politica rischia di far naufragare un'iniziativa potenzialmente positiva, in un Paese come l'Italia in cui si legge mediamente troppo poco.

Con le dimissioni di Letta si ferma anche il Piano per la lettura... Il caso - Pubblicato il 18 febbraio

 

Dopo il flop del bonus-libri, che ne sarà della legge per la promozione della lettura e del Piano per la lettura? Si troveranno i fondi? - IL CASO/ Dopo le polemiche sulle mancate detrazioni fiscali sui libri (nel frattempo, nonostante la protesta dell'Aie, è stato approvato l'emendamento Causi), inizia la discussione dell'ambiziosa proposta di legge "per la diffusione del libro su qualsiasi supporto e per la promozione della lettura". Inoltre, a fine febbraio è in programma la riunione per varare il "Piano triennale per la promozione della lettura" voluto dal ministro Bray. Ma dopo il flop del bonus-libri, la domanda diventa cruciale: ci sono le coperture finanziarie per queste iniziative? - Analisi pubblicata il 10 febbraio 2014

 

SU RADIO3 L'ANALISI DI AFFARITALIANI.IT - Martedì 11 febbraio, "Pagina3", la rassegna stampa culturale di Radio3 curata da Vittorio Giacopini, ha dato spazio allo speciale di Affaritaliani.it sul flop del bonus libri e i rischi che ora corrono la legge per il libro e il Piano per la lettura... ASCOLTA QUI

 

LE INTERVISTE

IL CASO/ I librai contro lo "stravolgimento" del bonus fiscale sui libri (pubblicato il 4 febbraio 2014)

Alberto Galla ad Affaritaliani.it: "Ulteriori sconti per attrarre i 'buoni'? Va rispettata la legge Levi" (pubblicato il 5 febbraio 2014)

Flop del bonus-libri/ Stefano Mauri (presidente e Ad GeMS): "Deluso dal dietrofront del Governo" - Intervista del 10 gennaio 2014

 

 

Non bastavano le recenti polemiche per il flop del "bonus-libri" (nel box a destra lo speciale di Affaritaliani.it con interviste, dettagli e retroscena, ndr). Con l'addio di Bray, infatti, altre iniziative intraprese potrebbero fermarsi.

Ma che cosa pensa il mondo dell'editoria libraria del nuovo ministro della Cultura Franceschini (che, tra l'altro, è anche un autore di romanzi per Bompiani)? Affaritaliani.it ne ha parlato con Alberto Galla, presidente dell'Ali (Associazione librai italiani), che nei giorni scorsi in più occasioni è intervenuto per criticare lo "stravolgimento" del "bonus-libri": "Per fortuna non partiamo da zero. Mi auguro che il neo-ministro Franceschini voglia seguire  le orme del suo predecessore Bray. L'Italia merita un  Piano nazionale della lettura. Bray l'ha avviato, ora però non bisogna buttare tutto il lavoro fatto. Si deve andare avanti con rapidità, e naturalmente Franceschini dovrà dare la sua impronta al progetto". Il presidente dell'Ali chiede dunque "che a breve venga riconvocata la riunione cancellata, quella in cui si sarebbe dovuta presentare la prima bozza del Piano".

Ma il fatto che Franceschini sia anche un romanziere, può aiutare la collaborazione del suo ministero con il mondo dell'editoria libraria? Per Galla "Franceschini conosce bene i problemi della filiera editoriale, e conosce la situazione delle librerie indipendenti, soprattutto quelle della provincia. In tante occasioni, purtroppo, si è vista la poca competenza in questi ambiti dei nostri politici. Il fatto che nuovo ministro dei Beni Culturali sia uno scrittore, dunque, è un punto a suo vantaggio".

Galla si rivolge anche al neo-premier Matteo Renzi: "Spero dimostri affinità e sensibilità per la cultura, l'arte e i libri. E per il relativo indotto economico".

 


Condividi su

In vetrina

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
Il video più apprezzato

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it