A- A+
Libri & Editori
La meta-letteratura di Riccardo D'Anna in Compro fallimenti

di   Lucilla Noviello

Il romanzo di Riccardo D’Anna, Compro fallimenti, Memori editore, inizia con una frase che è di per sé una enorme negazione. Lo è dal punto di vista del significato, non del significante: il verbo è espresso nella sua forma positiva, ma ciò che nega il suo senso è la più grande delle ambizioni umane – dopo il potere – ed è anche  uno degli intrecci che ha fatto muovere molta letteratura – e di conseguenza parecchia critica. Ma non solo. L’importante negazione di Roberto D’Anna ci appare anche come una citazione – sempre per assonanza di significato, non per precisione letterale – de Il mestiere di vivere di Cesare Pavese, ove quest’ultimo afferma – appunto - che soffrire, amare, sentire non serve a niente. Il romanzo perciò inizia come una storia – con un grosso io narrante che la scioglie per noi – di tipo sia realistico sia meta letterario. Eppure succede che mai, neppure una volta, il lettore si  accorga dell’artificio, o della finzione; del gioco sotteso; che possa distrarsi o annoiarsi. Roberto D’Anna – che non è uno scrittore di gialli – semina indizi come fossero sassolini di una fiaba. E lì dove nega – con le particelle grammaticali – afferma che se la morale – quella della felicità – non serve a niente, il vero piacere risiede proprio nelle cose che non hanno utilità alcuna. Perché l’inutile contraddice i sistemi sbagliati. Come massimamente accade nell’arte. In questo romanzo però abitano sia personaggi reali sia eventi realmente accaduti: ci sono poeti – con nome e cognome -  oppure giornalisti. E alcuni momenti della storia. D’Anna esprime le sue sintesi – attraverso l’uso di brevi dialoghi o la narrazione di brevi episodi – nelle quali la sua lucidità mentale, lo stile composto, la conoscenza della lingua che gli permette una fluidità rara tra gli scrittori italiani contemporanei - compensa qualsiasi possibile reazione emotiva. La commozione esiste nel passato e nella delicatezza di alcuni ricordi del personaggio – una delicatezza che D’Anna sa costruire attraverso la lingua -  nel suo profondo rispetto per la compostezza di alcune persone – molte delle quali scomparse. L’arte di D’Anna risiede in questo saper evocare, con garbo leggero e inaspettato, la profondità di chi è stato vivo, magari a compilare parole crociate, ma buono e necessario attraverso canoni completamente diversi da quelli applicati dalle regole della sociologia economica. La sua arte sta nell’esprimere il dubbio sulla positività di un’esistenza, purtroppo legata al denaro o ad altre cose che servono – che non si curi della bellezza, neppure di quella di chi osserva. Attraverso la memoria di un personaggio che inaspettatamente si innalza come piccola memoria collettiva, accade che costui - e soprattutto il lettore - si domandino come sia possibile con tanta semplicità descrivere un Paese marcio, semimorto, senza farne sentire il terribile odore e senza che l’eclatanza di tutto ciò non costringa a una radicale trasformazione. Sia il personaggio che il lettore si domandano, ancora, nella loro saggezza letteraria, dove muoia l’arte e insieme con essa anche tutto il resto.

Riccardo D’Anna, Compro fallimenti, Memori editore. Pagg. 135. Euro 14,50.

 

 

Tags:
libri
in vetrina
Grande Fratello 2019, bacio Erica-Francesca. E non solo loro... GF 2019 NEWS

Grande Fratello 2019, bacio Erica-Francesca. E non solo loro... GF 2019 NEWS

i più visti
in evidenza
Salvataggi in mare spettacolari I cani eroi arrivano a Hollywood

Foto e video

Salvataggi in mare spettacolari
I cani eroi arrivano a Hollywood


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
FCA What’s Behind: il dietro le quinte di come nasce un auto

FCA What’s Behind: il dietro le quinte di come nasce un auto


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.