A- A+
Malattie rare
Farmaci malattie rare: "Nella manovra spunta la trappola per i farmaci orfani"

FARMACI MALATTIE RARE, SHIRE ALLERTA: LA NUOVA MANOVRA DISINCENTIVA L'INVESTIMENTO NEI FARMACI ORFANI

Shire, azienda biotech leader nelle malattie rare, ha annunciato poche settimane fa un piano di ampliamento del proprio stabilimento di Rieti da 36 milioni di euro di investimenti in nuove tecnologie e macchinari, che prevede più di 120 assunzioni di nuova forza lavoro, oltre a una contemporanea espansione dello stabilimento di Pisa, che dovrebbe aumentare di quasi il 50% il numero degli operai.

L’azienda Shire commercializza in Italia per lo più farmaci orfani, ovvero farmaci salvavita che vengono prodotti specificamente per piccoli gruppi di pazienti con malattie rare.

Nella Legge di Bilancio, tra gli emendamenti inseriti dal Governo e dal Ministero della Salute, ce n’è uno che riguarda specificamente i farmaci orfani, ovvero i farmaci per le malattie rare. Fino a oggi i farmaci orfani sono stati esclusi dal payback, vale a dire il meccanismo con cui le aziende private ripianano i buchi di spesa del sistema sanitario.

Nel nuovo emendamento si è inserita un’interpretazione restrittiva dei farmaci orfani (limitandoli alla lista EMA in vigore) a favore delle big pharma che non producono questi farmaci, senza tenere conto dei numerosi problemi e ritardi nell’approvazione dei farmaci in Italia. Questa intepretazione farebbe pagare alle aziende biotech il payback anche sui farmaci orfani, della cosiddetta categoria orphan-like, quelli che identificati come orfani non godono più dell’esclusività di mercato.

Per le aziende come Shire questo emendamento ha un impatto di costi in più, da un anno all’altro, che sfiorerebbe oltre il 12% dell’intero fatturato italiano. È per questo che l’azienda starebbe riconsiderando seriamente l’idea di investire tutti questi soldi sull’Italia. Non sarebbe infatti difficile spostare la produzione negli stabilimenti aziendali di Paesi come l’Austria, il Belgio o la Svizzera, pronti a far ponti d’oro ad ampliamenti così significativi.

Interpellati da Affaritaliani, i manager dell’azienda hanno preferito non commentare, confermando però che l’impatto del nuovo emendamento è sproporzionato e ingeneroso nei confronti di chi sta investendo così tanto in Italia.

A Rieti Shire impiega direttamente più di 500 persone con un indotto su tutto il territorio locale, che va ad aggiungersi allo stabilimento di Pisa, il quale a sua volta ne impiega altri 90. A questi si aggiunge una forza commerciale di altre 150 risorse, per un totale di quasi 750 dipendenti in Italia.

Shire ha tra l’altro investito direttamente in ricerca nei laboratori del Tiget- Telethon di Napoli oltre 17 milioni negli ultimi anni e ha di recente rinnovato un’ulteriore linea di ricerca sempre con Telethon di cui ancora non si conosce l’esatto ammontare.

Commenti
    Tags:
    manovratrappola
    in evidenza
    ELISA ISOARDI SI METTE A NUDO TOPLESS. E SU SALVINI DICE CHE..

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    ELISA ISOARDI SI METTE A NUDO
    TOPLESS. E SU SALVINI DICE CHE..

    i più visti
    in vetrina
    Juventus, con De Ligt arriva a Torino anche la fidanzata Annekee Molenaar

    Juventus, con De Ligt arriva a Torino anche la fidanzata Annekee Molenaar


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini, arriva il super contratto integrativo

    Lamborghini, arriva il super contratto integrativo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.