A- A+
Marketing
Adv, sconti e accordi sottobanco: l'inchiesta accusa le agenzie media

Le agenzie fanno la cresta sul budget media grazie alla compiacenza dei broadcaster. Con i vertici che conoscono o addirittura incoraggiano accordi sottobanco. È il quadro del mercato pubblicitario americano secondo un'indagine di K2 commissionata dall'Ana, l'associazione che raggruppa alcuni tra i maggiori inserzionisti al mondo.

L'inchiesta è durata quasi nove mesi, ha previsto 143 interviste e visionato documenti e mail riservati. Sono state individuate così “condotte opache”. Non casi sporadici ma pratiche “di sistema” che condizionano “in modo pervasivo l'intero ecosistema di media-buying” negli Stati Uniti. Gli accordi sono spesso non ufficiali e tengono fuori i marchi, che solo in poche circostanze si ritrovano a fare parte della cricca.

Il meccanismo più utilizzato è quello degli sconti. La triangolazione del sistema prevede che un inserzionista (a seguito di gara o assegnazione) conferisca a un'agenzia il budget media. Le agenzie, a questo punto, scandagliano il mercato per individuare giornali, siti, reti tv ed mittenti radio capaci di massimizzino l'investimento. In sostanza le agenzie, in un mondo trasparente, dovrebbero scegliere i media da pagare in pubblicità in base a contatti e pubblico. Dovrebbero. Perché, secondo il report di K2, spesso ci sono accordi tra agenzie e broadcaster.

Come funzionano? I media offrono uno sconto pur di raccogliere pubblicità. E le agenzie, anziché optare per l'allocazione migliore per i propri clienti, scelgono chi applica lo sconto maggiore. Sui soldi risparmiati, le agenzie incassano. Fanno, in pratica, una cresta sul budget media. Gli sconti appurati dal report vanno dall'1,67% al 20%.

Lo sconto si manifesta in diversi modi. I contanti sono solo una delle possibilità. Ci sono anche accordi per inserzioni gratuite future o ricchi contratti di consulenza che l'inchiesta definisce “di minima utilità”. In altre circostanza, le holding hanno fatto pressioni per spingere il budget verso media dei quali le stesse holding possedevano una partecipazione.

Chi ci rimette? I brand, di certo. Che, evidentemente insospettiti, hanno commissionano a K2 l'indagine. Il loro budget ha risultati inferiori perché l'assegnazione non segue le regole del mercato pubblicitario. Ma ci rimettono anche i (pochi) media che non fanno sconti.

L'inchiesta sostiene che queste pratiche riguardano tutti. Tutti i tipi di media (stampa, web, tv, radio, outdoor) e ogni tipo di agenzia (dalle grandi holding globali alle piccole indipendenti). E non si tratta di episodi.

“Le pratiche – si legge nel report – sembrano fare regolarmente parte del business”. E non per la solerzia non richiesta dei sottoposti. “I senior executive di agenzie e holding erano al corrente o persino mandanti di pratiche opache”. In alcuni casi, continua il documento “K2 ha raccolto prove che i contratti per sconti e altre pratiche non trasparenti siano stati negoziati e talvolta sottoscritti dagli executive”. Cioè da amministratori delegati o altre figure apicali.

L'indagine non indica nessuno in modo esplicito. Ma il riferimento alla holding è talmente chiaro che Publicis ha rilasciato un comunicato in cui afferma “di rispettare tutti gli standard di trasparenza”. Accusa K2 di aver “costruito un report con informazioni anonime e non verificate” e invita l'Ana a fare in nomi. Il report, continua Publicis "non aiuta a costruire il cambiamento" e la collaborazione "tra inserzionisti e agenzie". La holding non nega che esistano casi opachi, ma rimprovera all'Ana di "distorcere il quadro" sostenendo che si tratta di pratiche "pervasive". 

@paolofiore

Tags:
advanaagenzie mediaaccordi agenzie mediapublicis

in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

i più visti
in evidenza
"Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Spettacoli

"Dogman" candidato dell'Italia
Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Maserati Ghibli Ribelle, in edizione limitata

Nuova Maserati Ghibli Ribelle, in edizione limitata

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.