A- A+
MediaTech
Ciarrapico; l'addio distaccato de La Repubblica. Che glissa su...

"Il fascista andreottiano in affari con i comunisti" : questa la definizione, tutt'altro che elogiativa, che "La Repubblica" ha vergato su Giuseppe Ciarrapico, scomparso, domenica, a 85 anni. Solo pochi accenni al ruolo, svolto dal "Ciarra" nel dirimere il negoziato "per salvare "La Repubblica" dalle grinfie di Silvio Berlusconi".

Eppure il fondatore del quotidiano romano, Eugenio Scalfari, 95 anni, non ha, mai, esercitato la pregiudiziale antifascista nei confronti di don Peppino come di tanti ex fans di Benito Mussolini (1883-1945). Il principe Carlo Caracciolo (1925-2008), cofondatore de "La Repubblica" e fraterno amico di don Eugenio, era solito dire ai giornalisti del quotidiano romano e del settimanale del gruppo, "L'Espresso" : "Se fossi in voi, farei una colletta.

E ordinerei una statua di don Peppino Ciarrapico.Con questa scritta sulla targa : "A Ciarrapico, Il Comitato di redazione riconoscente".

Ha spiegato Giampaolo Pansa, 84 anni, a lungo condirettore del giornale scalfariano : "Ciarrapico è stato un fascistone integrale, abituato a proclamare, senza problemi, la sua eterna fedeltà al Duce. Mentre le due testate, che avrebbero dovuto promuovere la colletta, si sono sempre ritenute, e si ritengono ancora, con un bel po'di spocchia, la quintessenza del giornalismo laico, democratico e antifascista". E un acuto commentatore del quotidiano romano, Filippo Ceccarelli, 64 anni, ha definito il "Ciarra" "una creatura andreottian-fascistoide , con un passato tra i camerati e progressive entrature nel craxismo, un editore nostalgico".

E un altro protagonista della Prima Repubblica, Franco Evangelisti (1923-1993), senatore andreottiano di Alatri, diceva spesso :"La sinistra è piena di ex fascisti. Anche il grande Scalfari è stato un giovane in camicia nera. I compagni la smettano di tirare in ballo la buonanima di Mussolini ! Quattro quinti degli italiani sono stati con Benito. E adesso i progressisti accusano Andreotti (1919-2013) e i suoi di essere gente di destra. E'una buffonata !". Vicende, personaggi, relazioni, che viene considerato inopportuno evidenziare. oggi, con il "giornale-partito" in prima linea contro il "fascista" Matteo Salvini. E, dunque, è meglio stampare una foto del defunto Ciarrapico mentre ossequia "zu Giulio" Andreotti e bocciarlo, con sussiego, come "un finanziere spregiudicato, protagonista della Prima Repubblica".

 

Commenti
    Tags:
    ciarrapicola repubblicascalfarialtarieugenoio scalfari
    Loading...
    in evidenza
    Bacio tra Ronaldo e Dybala Il video diventa subito virale

    Sport

    Bacio tra Ronaldo e Dybala
    Il video diventa subito virale

    i più visti
    in vetrina
    GRANDE FRATELLO VIP 4 UNA SUPER VIP IN CASA. ELIMINAZIONE-NOMINATION E... Gf Vip 4 news

    GRANDE FRATELLO VIP 4 UNA SUPER VIP IN CASA. ELIMINAZIONE-NOMINATION E... Gf Vip 4 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ecologica e spaziosa, come graffia la nuova Ford Puma

    Ecologica e spaziosa, come graffia la nuova Ford Puma


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.