A- A+
MediaTech
Editoria, Di Maio vs i giornaloni: "Stop pubblicità delle aziende di Stato"
Foto LaPresse

Dopo l'articolo del direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino sul mondo dell'editoria, Luigi Di Maio torna ad affrontare l'argomento sferrando un nuovo attacco ai "giornaloni", simbolo di un'editoria che il direttore Perrino ha descritto come "stuprata".

In un lungo post su Facebook, Di Maio ha avanzato la possibilità di uno stop alla pubblicità delle aziende di Stato e di un taglio ai contributi.

Ecco il testo del post di Di Maio su Facebook:

"La fake news del giorno è de La Repubblica, secondo la quale il Reddito di Cittadinanza sarà solo di 300 euro a 4 milioni di persone. Non contenti hanno rilanciato nell'articolo ancora una volta la bufala delle file ai Caf il 4 marzo, una menzogna smentita in tutte le salse ma che continua a essere diffusa dai giornali dell'establishment in spregio dei cittadini del Sud raccontati come persone che vanno in giro a fare l'elemosina. Se non è razzismo poco ci manca. I giornali dei prenditori editori ormai ogni giorno inquinano il dibattito pubblico e la cosa peggiore è che lo fanno grazie anche ai soldi della collettività. In legge di bilancio porteremo il taglio dei contributi pubblici indiretti e stiamo approntando la lettera alle società partecipate di Stato per chiedere di smetterla di pagare i giornali (con investimenti pubblicitari spropositati e dal dubbio ritorno economico) per evitare che si faccia informazione sui loro affari e per pilotare le notizie in base ai loro comodi. Questo non è giornalismo, è solo propaganda per difendere gli interessi di una ristretta élite che pensa di poter continuare a fare il bello e il cattivo tempo. Non sarà più così. Il nostro Paese ha bisogno di un'informazione libera e di editori puri senza altri interessi che non siano quelli dei lettori".

Luigi Di Maio ha ragione: l'editoria italiana è stata stuprata

Di Angelo Maria Perrino

Bene ha fatto Luigi Di Maio a porre il problema dell’indipendenza dell’informazione in Italia, uccisa dai grandi gruppi industriali e finanziari che hanno negli anni scalato ed espugnato le proprietà delle case editrici storiche, mandando a casa gli editori puri, ossia le famiglie Mondadori, Rizzoli, Rusconi, Perrone e via dicendo.

Si è così prodotto un grave vulnus alla democrazia che ha trasformato i giornali in strumenti di lobbing e lotte di potere dei grandi gruppi industriali e finanziari (i famosi “poteri forti”), tra di loro e/o contro il potere politico.Con buona pace del libero giornalismo e dell’informazione completa e  indipendente...

CLICCA QUI E LEGGI TUTTO IL COMMENTO DI ANGELO MARIA PERRINO

Commenti
    Tags:
    editoriadi maio

    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

    Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.