A- A+
MediaTech
Gedi schizza del 60%, tonfo di Cir. L'Opa di Elkann fa volare gli editoriali

Seduta da record per Gedi, che dopo l'offerta di Exor per la quota di controllo detenuta da Cir (che sara' ovviamente seguita da un'Opa), balza del 60% a 0,455 euro, allineandosi praticamente agli 0,46 euro messi sul piatto dalla holding della famiglia Agnelli. Oggi sono passati di mano oltre 44 milioni di pezzi: circa l'8,6% del capitale del gruppo editoriale.

Arretrano invece sia Cir (-7,82%) sia Cofide (-1,26%), che ieri tuttavia - mentre Gedi era sospesa - avevano chiuso in forte rialzo; positiva infine Exor, che ha recuperato lo 0,8% a 68,64 euro. Secondo Equita, l'offerta della famiglia Agnelli e' stata a premio sui multipli se si guardano competitors come Cairo, Rcs o Vocento in Spagna.

Quindi, "l'operazione e' un segnale positivo per l'intero settore editoriale, perche' nonostante il trend negativo della carta stampata, sia in termini di raccolta pubblicitaria (mercato a -11% nei primi 9 mesi) che di circulation (settore in calo dell'8% nei 9 mesi), Gedi e' stata valorizzata su multipli superiori a quelli del settore".

L'offerta e' subordinata all'autorizzazione delle autorita' (Commissione europea e Agcom) e in base alle tempistiche e' prevedibile che l'operazione possa essere completata entro aprile 2020. Cir investira' nel veicolo che prendera' il controllo di Gedi, acquisendo una quota pari al 5% di Gedi in trasparenza ai prezzi dell'offerta. Exor lancera' un'Opa obbligatoria su Gedi a 0,46 euro per azione.

Per Cir e Cofide, l'incasso netto supera i 90 mln di euro, assumendo che Cir reinvesta il 5% nella newco. La cassa netta della holding post fusione sale intorno a 320 mln, pari al 36% del Nav e il Nav post fusione Cir-Cofide sale del 4% a 0,71 euro per azione. 'Sebbene il profilo di rischio del gruppo migliori - scrive Equita - uscendo da un business che ha sofferto e continua a soffrire per la crisi del settore di riferimento, riteniamo che lo sconto non sia sufficentemente attraente al punto da modificare la raccomandazione' che resta quindi hold. Migliora il target +5% a 0,58 euro (ovvero 1,17 di Cir).

Per Exor, l'investimento e' al massimo di 208 mln, assumendo che raccolga l'89% del capitale di Gedi (escludendo il 5% di Cir e il 6% gia' detenuto). Gedi rappresentera' meno dell'1% del Nav per cui 'l'impatto sul Nav e sul target e' modesto', scrive Equita, anche ipotizzando che il fair value di Gedi sia pari alla media del prezzo degli ultimi 6 mesi (circa 40% in meno rispetto al prezzo d'Opa). 'Resta da chiarire la strategia di Exor che portera' l'esperienza maturata nel settore (essendo azionista di maggioranza dell'Economist e in passato azionista di RCS) e accelerera' la trasformazione sul piano tecnologico e organizzativo', conclude Equita.

Il gruppo Repubblica agli Agnelli. Elkann spende 102,4 milioni di euro - Exor ha siglato con Cir l'accordo per rilevare il 43,78% di Gedi a 0,46 euro per azione con un esborso di 102,4 milioni. Al termine dell'operazione da realizzare con una societa' di nuova costituzione verra' lanciata un'opa allo stesso prezzo. Cir reinvestira' nella nuova societa' per una quota pari al 5% di Gedi. Sono questi i dettagli dell'operazione che, superati i passaggi relativi alle necessarie autorizzazioni delle autorita' (Antitrust, Agcom e Commissione Europea) vedra' nel primo quadrimestre del 2020 il passaggio del controllo tra l'altro dell'Espresso e della Repubblica per trent'anni in mano alla famiglia De Benedetti.

A guidare il nuovo gruppo, che possiede anche altri quotidiani tra cui La Stampa e il Secolo XIX, sara' ora Exor, la finanziaria della famiglia Agnelli. Il via libera e' arrivato a tarda serata alla fine di una lunga giornata cominciata stamane con il board di Cir e la sospensione del titolo Gedi dagli scambi in Borsa. La finanziaria guidata da John Elkann e' gia' socia di Gedi con una quota del 5,99% davanti agli altri azionisti di minoranza Giacaranda Falck (al 5,08%) e Carlo Perrone (5,02%).

Con l'acquisto da Cir del 43,78% di Gedi Exor si porterebbe al 49,8% e per questo dovra' lanciare l'Opa obbligatoria. "Con questa operazione ci impegniamo in un progetto imprenditoriale rigoroso, per accompagnare Gedi ad affrontare le sfide del futuro", ha affermato John Elkann, presidente e amministratore delegato di Exor.

Che ha rassicurato sugli obiettivi di qualita' giornalistica: "Oltre a portare l'esperienza maturata nel settore, anche a livello internazionale, Exor assicurera' la stabilita' necessaria per accelerare le trasformazioni sul piano tecnologico e organizzativo. Siamo convinti che il giornalismo di qualita' ha un grande futuro, se sapra' coniugare autorevolezza, professionalita' e indipendenza con le esigenze dei lettori, di oggi e di domani".

"Passiamo il testimone ad un azionista di primissimo livello - ha invece detto il presidente di Cir Rodolfo De Benedetti - che da piu' di due anni partecipa alla vita della Societa', che conosce l'editoria e le sue sfide, che in essa ha gia' investito in anni recenti e che anche grazie alla propria proiezione internazionale sapra' sostenere il gruppo nel processo di trasformazione digitale in cui esso, come tutto il settore, e' immerso".

Il prezzo offerto e' superiore a quello ipotizzato dagli analisti. Equita aveva stimato un valore di 0,35 euro per azione dopo che il titolo venerdi' corso ha chiuso a 0,28 euro. Era stato proprio il timore che il quotidiano La Repubblica potesse essere ceduto ad altri soggetti a spingere Carlo de Benedetti a offrire lo scorso ottobre 0,25 euro per azione tramite Romed per il 29,9% di Gedi ai figli Rodolfo e Marco. Proposta tuttavia giudicata irricevibile.

Loading...
Commenti
    Tags:
    gedi
    Loading...
    in evidenza
    7 donne su 10 fingono l’orgasmo Uomini, stress da prestazione

    Sondaggio di JOYclub

    7 donne su 10 fingono l’orgasmo
    Uomini, stress da prestazione

    i più visti
    in vetrina
    Neve in pianura al Nord e neve a Milano in arrivo. Ecco quando. Meteo neve

    Neve in pianura al Nord e neve a Milano in arrivo. Ecco quando. Meteo neve


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan GT-R50 by Italdesign, prodotta in soli 50 esemplari

    Nissan GT-R50 by Italdesign, prodotta in soli 50 esemplari


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.