Il personaggio/ Il "ComuniCattivo" Igor Righetti: "Macché tv, la radio fa trend"

Sabato, 28 giugno 2008 - 13:03:00

di Mariano Sabatini

La maggior parte dei personaggi del mondo televisivo e radiofonico punta sul buonismo, mente Igor Righetti ha fatto della schiettezza ai limiti della sfrontataggine un marchio registrato. Nel suo programma radiofonico, “Il ComuniCattivo” di Radio 1 Rai (in onda il sabato alle 11 e la domenica alle 10.30), sono passati circa 4mila ospiti: "Grandi personaggi del mondo della cultura, del giornalismo, della politica, dello spettacolo, dell’imprenditoria e gente comune che ha ideato nuovi modi di comunicare", spiega il giornalista-conduttore.
Sul "ComuniCattivo" sono state fatte sette tesi di laurea, ha avuto tre riconoscimenti giornalistici "per aver sperimentato un linguaggio moderno dove l’informazione e la cultura vanno di pari passo con l’ironia e l’intrattenimento". Dal “ComuniCattivo” sono nati due libri (il terzo uscirà a gennaio), un singolo e un audiolibro in cui ha partecipato anche Donatella Rettore, una striscia settimanale su Raiuno la domenica all’interno di Tg1 libri. Una vera holding. 

Qualche numero: 1300 puntate del tuo programma e il raddoppio degli ascoltatori. Un bel traguardo, che si deve a cosa?
"Mi piace sperimentare, mettermi in discussione. Sono un professionista che fa le cose seriamente ma che non si prende troppo sul serio e non sopporto coloro che pontificano. Non ho mai inseguito le mode, mi piace crearle. La mia enciclopedia è l’osservazione quotidiana della gente".

Come faceva il tuo prozio, Alberto Sordi?
"Lui mi diceva di osservare sempre le persone. E così io frequento supermercati e hard discount, vado al Monte di Pietà, salgo sugli autobus e in metropolitana".

Igor Righetti
Chi sono i tuoi ascoltatori?
"Non li suddivido mai per target. Parlo di stili di vita. Parlare di target fa comodo alle agenzie di pubblicità ma è un concetto superato".

In radio si è più liberi che in tv dal punto di vista dei contenuti?
"Da sempre sono per parlare di argomenti anche ostici con un linguaggio comprensibile a tutti, utilizzando l’ironia, una sana dose di cattiveria e la creatività senza mai scendere a compromessi, lasciando da parte volgarità e banalità".

Ti piacerebbe lasciare la radio per approdare alla tv?
"La tv è stato il primo mezzo di comunicazione che ha attirato la mia attenzione. Dal 1986, per tre anni, ho partecipato come autore e inviato al programma di Clive Malcolm Griffiths e Rick Hutton 'Crazy Time': testavo il livello di conoscenza di alcune parole italiane e straniere con domande trabocchetto. La mia collaborazione con la Rai è cominciata nel 1990 in tv, su RaiTre, dove ero autore e conduttore di programmi storico, artistici e archeologici. Ho fatto poi tante altre cose. Ma la tv italiana attuale è invasa da programmi di cucina, reality show, game e talent show. Il resto è fatto da talk show politici che guardano gli addetti ai lavori".

Quali soddisfazioni ti dà la radio?
"Con un mio aforisma posso dire che 'le parole alla radio hanno uno spessore, le parole in tv hanno sempre più spesso… un volume!'. In radio i rumori possono diventare parole. Il fenomeno della gente che torna a preferire la radio alla televisione lo potrei definire con un altro dei miei aforismi: 'Radio, più parole, meno... rifatti'. La formula del 'ComuniCattivo' riscontra molto successo anche all’estero dove la trasmissione è particolarmente seguita dagli italiani che la ascoltano attraverso il sito e grazie a Rai International".

(Segue - "Luca Giurato? Un genio. La Bianchetti? Che noia. La Littizzetto? Mi ha stufato")

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA