A- A+
MediaTech
Internet, Agi-Censis: dopo il caso Facebook il 70% utenti non si fida
Adolescenti e internet

Il caso Cambridge Analytica ha lasciato il segno: la maggior parte degli utenti Internet non si fida della gestione dei dati da parte dei social network (69,6%) e dei motori di ricerca (60,5%). E' quanto emerge dal rapporto "L'insostenibile leggerezza dell'esseredigitale" presentato nel corso dell'Internet Day organizzato da Agi e Censis. Maggiore e' invece la fiducia che viene accordata ai soggetti pubblici, alle banche (72,5%) e ai siti di e.commerce (62%). Dal rapporto emerge anche che tre utenti su quattro (73,4%), usano Internet per mandare messaggi con WhatsApp e Messenger facendone un uso continuo nel corso della giornata, notevole anche lo scambio di email e la presenza sui social network. Come detto agli italiani piace essere connessi principalmente per comunicare tanto che un giovane su due usa lo smartphone anche quando e' a tavola. Chi usa Internet lo fa a qualsiasi ora, di prima mattina (63%) e soprattutto la sera tardi (77,7%) o a letto. Da rilevare che i comportamenti 'scorretti', coperti dall'anonimato, infastidiscono i fruitori della Rete e tre su quattro si dichiarano favorevoli all'identificazione (con un documento) al momento dell'iscrizione a un social network.

VICENDA FACEBOOK E CAMBRIDGE ANALYTICA HA LASCIATO IL SEGNO Come detto quasi il 70% dei fruitori di Internet non si fida della gestione dei propri dati da parte dei social network. Quelli che dichiarano che i loro comportamenti su Facebook non sono stati minimamente condizionati dallo scandalo Cambridge Analytica sono meno della meta', ovvero il 47,7% del totale. Solo una quota assolutamente residuale (2,7%) ha cancellato il proprio profilo. Il 12,8% e' invece intervenuto modificando i propri comportamenti (riduzione dell'attivita' per evitare il tracciamento), cercando di assumere informazioni puntuali sull'uso dei dati (21,6%) e variando le condizioni della privacy (14,0%). Non scalda i cuori invece il nuovo regolamento europeo per chi acquisisce e gestisce i dati personali (GDPR): il 40,6% degli intervistati non lo ritiene fondamentale perche' "anche prima era possibile effettuare scelte precise in materia di privacy". Un ulteriore 31,6% dichiara di non conoscerlo e di non essere comunque interessato alla cosa.

SI USA INTERNET SOPRATTUTTO PER MANDARE MESSAGGI La maggior parte di chi naviga lo fa per mandare messaggi. L'utilizzo intenso della rete, infatti, vede al primo posto i servizi di messaggistica istantanea: il 73,4% degli utenti internet ne dichiara un uso "continuativo" durante il corso della giornata. Seguono lo scambio di e.mail (64,8%), la presenza sui social network (61%) e l'utilizzo dei motori di ricerca (53,8%).   WhatsApp e Facebook, spiega il rapporto, sono i principali riferimenti per la messaggistica e i social network, ma i dati mostrano che spesso gli utenti utilizzano piu' di una piattaforma. E' interessante notare che l'introduzione di un canone di pagamento/tariffa per questi servizi determinerebbe l'abbandono di 2/3 circa degli utenti. Per contro, un uso palesemente scorretto dei dati conferiti scoraggerebbe nella prosecuzione del rapporto il 53,5% degli utenti. Anche in assenza di particolari criticita' la fedelta' degli utenti alle piattaforme attuali non e' assoluta: nuove piattaforme con nuove proposte verrebbero valutate con interesse dal 21,2% degli utenti internet, evidenzia il rapporto.

 UN GIOVANE SU DUE USA LO SMARTPHONE A TAVOLA La gran parte degli utenti Internet si collega alla rete anche la sera tardi (77,7%) e di primo mattino (63,0%). Il 61,7% utilizza i dispositivi anche a letto (tra i giovani si arriva al 79,7%). Il 34,1% usa lo smartphone anche quando e' seduto a tavola (ma tra i giovani il dato sale fino al 49,7%). La maggior parte degli utenti e' ben consapevole dei lunghi periodi nei quali risulta attivo in rete.   Quasi un quarto degli utenti (22,7%) ha spesso la sensazione che Internet gli induca una sorta di dipendenza. L'11,7% vive con ansia l'eventuale impossibilita' di connettersi. L'11,2% litiga con i propri familiari per ragioni collegate all'utilizzo della rete. Ma se il 60,7% degli utenti dichiara di aver riflettuto sull'uso eccessivo di Internet, solo il 28,6% e' intervenuto concretamente con dei correttivi o delle regole di autolimitazione.

INTERNAUTI ITALIANI CONTRARI ALL'ANONIMATO SUI SOCIAL La diffusione delle fake news, i finti account, le false identita', i comportamenti scorretti protetti dall'anonimato infastidiscono la maggior parte degli utenti internet. Prova ne sia che il 76,8% si esprime favorevolmente in merito all'introduzione dell'obbligo di fornire un documento di identita' all'atto di iscriversi ad un social network.   In tema di sicurezza c'e' da notare che e' "notevole il numero di utenti internet colpiti nel tempo da attacchi informatici, soprattutto virus (41,9% del campione), ma anche phishing (22,2%) e clonazioni (17,9%). Naturalmente sono diffusi i comportamenti difensivi e di autotutela (antivirus e precauzioni d'uso di diversa natura). Si rileva comunque un 15-20% di fruitori che non adotta neppure le cautele minimali (selezionare buone password e cambiarle periodicamente, fare attenzione a non aprire allegati di dubbia provenienze, ecc.).   Gli italiani sentono poco l'ansia da attacchi informatici (solo il 12,5% degli utenti, che addirittura autolimitano per paura l'accesso a servizi di loro interesse). Per il restante 87,5%, i rischi della rete non sono tali da incidere sui comportamenti di utilizzo. Al massimo ci si lamenta dei costi da sostenere per alzare il livello di protezione (25,2%) o del fatto di dover mantenere un certo livello di vigilanza (46,4%). Guardando all'universo degli internauti la quota di coloro che cercano attivamente di mettersi in sicurezza non e' bassa e varia dal 55% all'85% in base al tipo di accortezza adottata. Questo significa pero' che esiste almeno un quarto degli utenti che non si difende efficacemente e almeno un 15% di utenza che non adotta neppure le cautele minimali.

Tags:
internetagicensisfacebookinternet day

in evidenza
Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

Cronache

Quando finisce il caldo anomalo
Pronta l'irruzione di aria fredda

i più visti
in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.