Maurizio Mannoni: "Annozero funziona. Un'azienda normale lo sosterrebbe"

Lo storico giornalista della terza rete è contrario alla sostituzione di Antonio Di Bella e Paolo Ruffini: "Hanno fatto bene, un'azienda normale li confermerebbe"

Sabato, 26 settembre 2009 - 16:14:00

Maurizio Mannoni dm
Maurizio Mannoni per Donna Moderna

di Francesco Cocco

Maurizio Mannoni è perplesso. Colui che è da vent'anni uno dei volti più familiari al pubblico di Rai3 (prima al telegiornale, poi in trasmissioni come Ultimo minuto e Primo piano), proprio non condivide l'ipotesi sempre più probabile che cambino i direttori del Tg3 e della rete.

"Hanno lavorato bene, un'azienda normale non li manderebbe via", sospira. E poi, senza schermirsi: "Sì, in questa vicenda anche il Partito Democratico dirà la sua. Ma sarebbe pericoloso se la vicenda entrasse nella lotta congressuale". Viceversa, sul congresso è Mannoni a dire la propria: lui per la segreteria del Pd sostiene Dario Franceschini.

Sembra ormai certo che Bianca Berlinguer sostituirà Antonio Di Bella alla direzione del Tg3.
Ah, non ne so niente io! Ne leggo sui giornali, come voi.

In redazione non se ne è discusso?
No, assolutamente. Discuterne sarebbe una buona norma. Ma così non è stato.

Niente, eh?
Quelle dei direttori sono sempre nomine calate dall'alto. In questo caso sarebbe una collega della redazione, una persona che fa parte della storia del Tg3... Ma, ripeto, io non mi occupo di nomine di direttori.

Secondo lei andrebbe confermato Di Bella?
Io penso di sì. Non vedo nessun motivo per sostituire lui e Ruffini (direttore della Terza rete, ndr). E' come un gioco dell'oca in cui ogni tanto bisogna cambiare le pedine. In ogni azienda, se i dirigenti fanno bene non si cambiano. Però, siccome in Rai sono altre le logiche...

C'è chi dà tutta la responsabilità di questi possibili avvicendamenti ad una manovra del centrodestra; e chi invece sostiene che c'entri anche il Partito democratico. Secondo lei?
Senza nasconderci dietro un dito: è chiaro che il Partito democratico dirà la sua sulle nomine al Tg3 e a Rai3. Spero che la dica in maniera saggia, senza che questo rientri nella lotta congressuale. Perché sarebbe uno scadimento pericoloso.

Stasera lei partecipa a un evento pubblico per la lista "Semplicemente democratici" che appoggia Dario Franceschini. Sembrerebbe una scelta di campo.
Io stasera sono alla manifestazione perché mi hanno chiamato (svolgerà infatti il ruolo di conduttore sul palco, ndr). Do un piccolo contributo, lo avrei fatto anche se mi avessero chiamato dalla parte di Pierluigi Bersani. Come cittadino, sostengo Dario Franceschini.

E perché?
Innanzitutto perché mi sembra che abbia operato bene. In questi mesi è stato segretario in un periodo molto difficile. E poi credo che in questo momento lui esprima meglio lo spirito del Pd: plurale, aperto... Troverei giusto che continuasse a fare il segretario

Sul caso Marco Travaglio ad Annozero che sensazione ha, da giornalista Rai?
All'interno della Rai mi sembra assurdo che si tenti di boicottare un programma come quello di Michele Santoro. Si può discutere sui termini e sul perché questo contratto non sia stato firmato. Ma un programma che funziona, che è così radicato fra i telespettatori, un'azienda normale lo sosterrebbe, invece di mettergli i bastoni fra le ruote. Ma questa è ormai la storia di Santoro in Rai, da trent'anni.

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA