A- A+
MediaTech
Micromega contro il "politically correct"

L’ultimo numero di Micromega, il mensile della sinistra dura e pura, edito dal “progressista” De Benedetti, esce con un titolo di assoluta sorpresa: “Contro il politicamente corretto”. Il numero 6/2018 è infatti definito un “vero e proprio ‘manifesto’ contro il politicamente corretto”. Paolo Flores d’Arcais punta l’indice contro gli eccessi del politically correct e gli eccessi sanzionatori che ha prodotto.

Scrive il direttore nel suo editoriale:

 

“La sbornia politicamente corretta che ha travolto la sinistra ormai da diversi decenni sta vivendo negli ultimi tempi – grazie al revival dei movimenti identitari – una stagione di nuovi eccessi. Con acrobazie (il)logiche degne dei migliori trapezisti, si è giunti ormai alla riscoperta ‘progressista’ della censura, immunizzando in primis, in nome del rispetto, le superstizioni venerabili e storiche dalle critiche rivolte a dogmi santi profeti e altri Dii, per bordeggiare infine le sontuosità beghine della sessuofobia.”

 

 

Insomma la critica dell’ateo direttore è contro la tolleranza ai “dogmi santi profeti e altri Dii”.

D’Arcais finalmente si scarica e tuona come un eretico anarchico antipapalino del secolo scorso, ma dice la verità. Ora il passo che dovrebbe fare ulteriormente è quello di criticare non solo gli eccessi papalini, ma anche in tutti gli altri campi della tolleranza universale voluta dal mondialismo e amati dal suo editore e dai suoi giornalisti, tipo esaltazione acritica del “nuovismo”, della Rete, dei Social, dei vegani, dell’estremismo religioso, del femminismo acritico alla #MeToo (ne parla Elisabeth Badinter) o della moda di storpiare le parole, tipo “operatore ecologico” per nasconderne il vero significato.

 

La nuova posizione assunta da Micromega è quanto mai strana se si pensa che fa parte di un gruppo che comprende la Repubblica, l’Espresso e Le Scienze, che da anni hanno fatto del politically correct la loro sdrucita e inguardabile bandiera ipocrita.

Quindi le considerazioni di d’Arcais sono assolutamente condivisibili perché di buon senso. Se la sinistra le avesse fatte sue a suo tempo non si dibatterebbe nella sua crisi che vede ora nel segretario del Pd Maurizio Martina il suo degno rappresentante, piccolo Savonarola della Brianza, tarantolato dal popolo, dopo anni di governo irresponsabile.

Sono anni che la destra e il sovranismo afferma le stesse cose di d’Arcais, ma non è stata mai ascoltata, se non dagli elettori, che sono poi gli unici veri giudici della politica. Anzi, chi parlava contro la religione del politically correct era tacciato sdegnosamente dagli intellettuali del gruppo editoriale suddetto con l’epiteto di “populista”.

Forse che la svolta sia dovuta anche ai problemi che ha il gruppo editoriale con il pacchetto di licenziamenti e relativi scioperi previsto? Forse che lor signori dalla parola infuocata si siano accorti che la proprietà fa i cavoli propri e non quelli loro? Chi lo sa? Sta di fatto che ora Micromega spara ad alzo zero contro l’ideologia di De Benedetti. Meglio tardi che mai.

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    micromegapaolo flores d'arcaisde benedetti
    in evidenza
    Stati Uniti e Cina litigano sul 5G Ma Huawei lavora già al 6G

    Guerra fredda tech

    Stati Uniti e Cina litigano sul 5G
    Ma Huawei lavora già al 6G

    i più visti
    in vetrina
    Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO

    Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre

    Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.