A- A+
MediaTech
Parodi contro Salvini: "Ascesa dovuta all'ignoranza". La Lega: "Via dalla Rai"
Cristina Parodi con Matteo Renzi. La conduttrice è moglie di Giorgio Gori, sindaco PD di Bergamo 

Cristina Parodi attacca Matteo Salvini e fa infuriare la Lega. Il pomo della discordia è un'intervista della giornalista a Rai Radio2, nella trasmissione "I Lunatici" condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. "A cosa è dovuta l'ascesa di Salvini?" domandano all'ex conduttrice di Domenica In e attuale padrona di casa de La prima volta, in onda la domenica pomeriggio su Rai1. "All'arrabbiatura della gente" risponde la Parodi. "Al fatto che probabilmente non è stato fatto molto di quello che era stato promesso di fare. È dovuta alla paura e anche all'ignoranza. Mi fa paura vedere un tipo di politica che è basata sulla divisione, sui muri da erigere. Vorrei una politica che andasse incontro ai più deboli e che aiutasse questo Paese a risollevarsi in un altro modo". 

Quindi, dopo aver dissertato del movimento MeToo, parla del marito Giorgio Gori, ex candidato renziano alla carica di governatore della Lombardia e attuale sindaco di Bergamo in forza con il Pd, poltrona per la quale ha deciso di ricandidarsi: "Ne abbiamo discusso, ma non credo che sia stata una decisione travagliata. È stato faticoso ma anche bellissimo fare questi cinque anni da sindaco di Bergamo. Giorgio è una persona onesta, sincera, da bergamasco ha iniziato una cosa e ora vuole finirla".

Il fatto che Cristina Parodi, dipendente del servizio pubblico e da una radio del servizio pubblico, abbia parlato della ricandidatura politica del marito attaccando al tempo stesso un esponente del governo in carica ha fatto infuriare a stretto giro il Carroccio che, attraverso i parlamentari leghisti Giorgio Borgesio, Massimiliano Capitanio, Dimitri Coin, Umberto Fusco, Igor Iezzi, Simona Pergreffi e Paolo Tiramani, ha rilasciato un comunicato di fuoco: "Se Cristina Parodi è tanto delusa dalla politica italiana scenda in campo. E, soprattutto, lasci la Rai. Con le sue offese a Matteo Salvini, la giornalista e moglie del sindaco Pd di Bergamo, Giorgio Gori, ha utilizzato il servizio pubblico radio-televisivo a proprio uso e consumo, facendo propaganda politica alla faccia del pluralismo informativo e ciò non è giustificabile. Ne chiederemo conto in Commissione di Vigilanza Rai con un’interrogazione".

 

 

 

Commenti
    Tags:
    matteo salvinicristina parodimatteo renzipdgiorgio gorisindaco di bergamoi lunaticiroberto arduiniandrea di cianciorai radio2
    in evidenza
    Lady Skriniar demolisce la Juve Mercato: offerta choc all'Inter

    La Wag idolo dei tifosi nerazzurri

    Lady Skriniar demolisce la Juve
    Mercato: offerta choc all'Inter

    i più visti
    in vetrina
    Isola dei famosi 2019 4 ELIMINAZIONI. E NOMINATION. Isola dei famosi 2019 news

    Isola dei famosi 2019 4 ELIMINAZIONI. E NOMINATION. Isola dei famosi 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Mercedes GLC Coupè: più dinamico e sportivo che mai.

    Nuovo Mercedes GLC Coupè: più dinamico e sportivo che mai.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.