A- A+
MediaTech
Rai, Salini Terminator sui Tg di Viale Mazzini: "Costosi e poco efficienti"
Fabrizio Salini (foto Lapresse)

Fabrizio Salini Terminator continua nel suo (per ora annunciato) percorso di stravolgimento della Rai. E nel suo piano industriale, come fa notare Aldo Fontanarosa su Repubblica, se la prende financo con l'informazione di Viale Mazzini, delineandone le pecche e le debolezze. 

Una su tutte, la consuetudine dei notiziari delle varie reti Rai di inviare più cronisti (spesso 5 o anche 6) a coprire lo stesso evento, risultando in un sovraffollamento di informazioni che finiscono per accavallarsi a svantaggio dell'utente (e con notevole dispiego e dispendio di mezzi).

Il direttore generale critica anche la scarsa attrattiva che i telegiornali Rai avrebbero sul pubblico giovane. I notiziari funzionano sul pubblico oltre i 44 anni (67% di share), ma se si scende di età, Mediaset ottiene una migliore performance mentre la Rai sprofonda al 22%. Addirittura, Studio Aperto su Italia 1 farebbe meglio del Tg2. (Cosa che non dovrebbe stupire poi più di tanto, visto che Italia 1 da sempre è rivolta al pubblico dei giovani e dei giovanissimi, assai più della seconda rete Rai, ma tant'è). 

Salini stigmatizza anche i costi, sottolineandone la lievitazione nell'ultimo anno, dopo un ridimensionamento tra il 2013 e il 2015, e i mezzi tecnici a disposizione delle varie testate, ritenuti dall'Ad inadeguati, pesanti e poco flessibili. Da ultimo Salini Terminator attacca la "mentalità" dei cronisti, attenti soltanto ai telegiornali e non focalizzati sulle esigenze dei siti d'informazione. 

In un Paese come l'Italia, in perenne campagna elettorale e con chiamate alle urne a scadenza quasi mensile, l'informazione pubblica radiotelevisiva è a dir poco cruciale, e cambiarne radicalmente la natura influirebbe anche sulla veicolazione del consenso e della formazione della pubblica opinione sulle dinamiche istituzionali e dell'opposizione (interna ed esterna all'esecutivo). In questo senso, il riferimento negativo di Salini (in quota grillina) al Tg2 è forse una frecciatina neanche tanto velata a Gennaro Sangiuliano (voluto dalla lega alla guida del notiziario della seconda rete)? Mentre infuria la fratricida guerra sotterranea tra M5s e Carroccio  per il dominio incontrastato della Rai (e soprattutto dell'informazione, guarda caso), è lecito domandarselo. 

Tags:
raifabrizio salinitgtelegiornalitg regionalipiano industrialegennaro sangiulianotg2
in evidenza
La nuova campagna Tampax #decidoio by Publicis Italia

Costume

La nuova campagna Tampax
#decidoio by Publicis Italia

i più visti
in vetrina
Juventus-De Ligt, intesa con Raiola per il talento dell'Ajax. E Kean...

Juventus-De Ligt, intesa con Raiola per il talento dell'Ajax. E Kean...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel Zafira Life: la monovolume a tre taglie fino a 9 posti

Opel Zafira Life: la monovolume a tre taglie fino a 9 posti


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.