A- A+
MediaTech
Renzi va all'assalto di Rai1: Orfeo e Ammirati in pole per la direzione
Matteo Renzi

Mentre a Palazzo Chigi si consuma "l'assalto all'Ok Corral" delle ambite poltrone di sottosegretari e viceministri, mentre i tre partiti di Governo (M5s, Pd e Leu) gareggiano per spartirsi il potere conquistato con un colpo di scena che neanche nelle tragedie del Bardo, con il suicidio di Ofelia (Salvini) in uno scenario che sembra partorito dalla mente subdola di un Fool shakespeariano, ecco che prosegue ancor più agguerrito un altro assalto, quello di Matteo Renzi - azionista di maggioranza dell'Esecutivo giallo-rosso - alla Rai.

Come per primi abbiamo rivelato, la fenice fiorentina risorta dalle ceneri - nelle quali, in realtà, non era realmente mai arsa  - brama a tutti i costi di rimettere le mani sull'Ammiraglia del Servizio Pubblico, e parallelamente alle manovre a Chigi, nelle stanze del potere renziane si trama per impadronirsi dell'influente direzione di Rai1, ora in mano a Teresa De Santis, in quota Carroccio ma con un passato a Sinistra e poi nelle file grilline. 

Facendo leva sugli ascolti non entusiasmanti (eufemismo) del daytime estivo di Rai1, che sta vacillando fortemente anche nella prima settimana della nuova stagione televisiva, il papabile nuovo sottosegretario del Mise con delega alle comunicazioni Antonello Giacomelli (che aveva già ricoperto questa carica nei governi Renzi e Gentiloni) e il senatore collega di partito Salvatore Margiotta, esponente di spicco della Vigilanza Rai, starebbero - secondo indiscrezioni di fonti autorevoli giunte all'orecchio di affaritaliani - vagliando assieme a Renzi i nomi ai quali assegnare l'incarico di direttore della Prima Rete, per eliminare il più possibile da quest'ultima ogni traccia dell'odiatissima presenza leghista.

La Trimurti Giacomelli-Margiotta-Renzi avrebbe quindi circoscritto le opzioni su due nomi fortissimi: l'ex amministratore delegato Rai Mario Orfeo, ora a capo di RaiWay, e la potente direttrice di Rai Teche Maria Pia Ammirati, apprezzata giornalista e scrittrice molto vicina al solito Vincenzo Spadafora, ora Ministro grillino dello Sport, che già l'aveva ampiamente caldeggiata l'anno scorso per un incarico di rilievo nella "Rai del Cambiamento".

Il suddetto cambiamento, tuttavia, ha subìto una svolta surreale degna di un film di David Lynch e lo stesso Spadafora, uno dei principali fautori dell'alleanza Pd-M5s, parrebbe oggi finito in disgrazia presso il suo protegé Luigi Di Maio, del quale è stato mentore per diversi anni. Secondo voci insistenti, le affinità elettive tra Vincenzino e Giggino si sarebbero bruscamente esaurite, facendo perdere vertiginosamente quota al primo (costretto a rinunciare alla carica di Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio) sia a Palazzo Chigi sia a Viale Mazzini, in questo caso a favore del grillino dell'ultima ora Emilio Carelli, che dovrebbe sostituirlo quale responsabile Rai per il M5s (e che, malgrado i molti punti in comune con Spadafora, di televisione è senz'altro più esperto). 

La (presunta) eclissi dell'influenza di Spadafora potrebbe dunque compromettere le possibilità di Maria Pia Ammirati a vantaggio di Mario Orfeo (che, in fondo, non è mai stato realmente silurato dalla gestione giallo-verde, tanto che il direttore del Tg1 Giuseppe Carboni è più una sua diretta emanazione che non una scelta pentastellata)? Probabile. Ma una cosa è certa: con il ritorno in auge di Renzi, che di televisione (e soprattutto di potere politico esercitato e veicolato dalla televisione) ci capisce senz'altro di più degli improvvisati grillini e leghisti (che hanno commesso una pletora di errori autolesionisti che sviscereremo a breve), la Rai si appresta a subire un rivolgimento radicale rispetto ai mesi scorsi, e la direzione della prima Rete rappresenta il frutto più dorato e prezioso del Giardino delle Esperidi di Viale Mazzini. E, forte anche della vicinanza con l'Ad Fabrizio Salini (ex presidente dell'ultrarenziana Stand By Me), Matteo non si fermerà di fronte a nulla pur di coglierlo.

 

 

Tags:
matteo renziraiascolti tvauditelrai1mario orfeomaria pia ammiratisalvatore margiottaantonello giacomellivincenzo spadaforavincenzo spadafora luigi di maiovittorio sgarbi vincenzo spadafora luigi di maio gaycriptochecche vittorio sgarbiemilio carelli
in evidenza
Chiara Ferragni come Grace Kelly? Il web contro "La Vita in Diretta"

MediaTech

Chiara Ferragni come Grace Kelly?
Il web contro "La Vita in Diretta"

i più visti
in vetrina
Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"

Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Mini Clubman: ecco cosa è cambiato

Nuova Mini Clubman: ecco cosa è cambiato


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.