A- A+
MediaTech
Verdelli direttore di Repubblica. Sbatté la porta nella Rai renziana

Carlo Verdelli, 61 anni, milanese, nel gennaio del 2017, si dimise dalla direzione editoriale della Rai, allora guidata dal renziano veneto, Antonio Campo dall'Orto. Il giornalista dimostrò, in quella occasione, onestà intellettuale.  Verdelli  fu uno dei più apprezzati direttori della "Gazzetta dello Sport" : alla "rosea"stabili' il record di copie vendute, 2 milioni e 300 mila, il giorno dopo la vittoria dell'Italia del Campionato Mondiale di Calcio, il 10 lugliol 2006.Un gesto forte, quello, in viale Mazzini, del giornalista milanese, per rivendicare la propria autonomia e distinguersi dall'obbedienza e dal servilismo, che continuano, purtroppo, a primeggiare tra i "meriti", sulla cui base vengono imbarcati, alla RAI, in incarichi di responsabilità, i giornalisti e i manager.Un problema, grave, che non riguarda solo l'aziendona di viale Mazzini. E andrebbe affrontato e, se possibile, contrastato, in tutti i settori, politici e aziendali.

Le dimissioni di Verdelli, a cui seguirono, 6 mesi dopo, quelle di Campo dall'Orto, dimostrarono la distanza  tra le tante affermazioni di principio, esternate dall'allora premier, Matteo Renzi, sul merito, sull'attenzione alle qualità, sulla attenta valutazione delle candidature, sulla rottamazione e la realtà quotidiana che, rispetto alla Prima Repubblica, non era affatto mutata, nella fase, non breve, della leadership dell'ex Sindaco di Firenze.

Verdelli intende cambiare, radicalmente, l'impostazione al "giornale-partito", fondato da Scalfari, nel 1976. Quanto a Mario Calabresi, figlio del commissario della PS, Luigi-che venne ucciso, a Milano, nel 1972, da un commando, spietato, di "Lotta Continua" (stangati, con sentenza definitiva,   Sofri, Bompressi e Pietrostefani, latitante nella Francia dell'anti-italiano Macron), negli ultimi giorni, è saltata la trattativa con Google per la direzione delle News in Europa. E Vittorio Feltri, graffiante, ha commentato : "Quando un direttore viene licenziato, la colpa non è mai sua. Bensi' dell'editore, che ha sbagliato ad assumerlo oppure ha sbagliato a cacciarlo. Ora Calabresi è orfano 2 volte".

Nel tweet di saluto, il successore di Ezio Mauro ha rivendicato il merito di aver dimezzato la discesa delle copie del giornale, dal 14 a sotto il 7...Non è bastato all'editore de Benedetti per confermare Calabresi.

 

Commenti
    Tags:
    repubblica verdelli
    in evidenza
    E' morto a 70 anni Niki Lauda Fu una leggenda della Formula 1

    Sport

    E' morto a 70 anni Niki Lauda
    Fu una leggenda della Formula 1

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello 2019, GENNARO OUT. LACRIME, TRADIMENTI E NOMINATION. Gf 2019 news

    Grande Fratello 2019, GENNARO OUT. LACRIME, TRADIMENTI E NOMINATION. Gf 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan X-Trail: gamma motori rinnovata

    Nissan X-Trail: gamma motori rinnovata


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.