A- A+
Medicina
Allattamento al seno, Oms: "Estenderlo a tutti salverebbe migliaia di bambini"

Allattamento al seno: l'Oms conferma tutti i benefici di questa pratica non solo per la salute dei bambini e delle mamme ma anche dal punto di vista economico - Salute e benessere

L'importanza dell'allattamento al seno viene pericolosamente sottovalutata. La conferma arriva da uno studio che ha riguardato 100 Paesi e realizzato nell'ambito dell'iniziativa "Alive & Thrive" in vista della settimana dell'allattamento al seno promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e che si tiene dal primo al 7 agosto.

La ricerca conferma che l'allattamento al seno fa bene alla salute di bambini e mamme oltre ad avere un impatto positivo sull'economia. Ancora oggi però per 4 bambini su 10 nel mondo non è l'unico alimento nei primi 6 mesi di vita. Aumentare la percentuale al 100% permetterebbe di salvare più di 820mila vita ogni anno, per un conseguente risparmio di 340 miliardi di dollari annui in spese sanitarie. 

Allattamento al seno, quando smettere? I consigli dell'Oms - Salute e benessere

L'Oms raccomanda l'allattamento al seno esclusivo fino a 6 mesi e di affiancarlo poi ad un'alimentazione complementare fino ai 2 anni o più. Il latte materno contiene infatti tutti i componenti essenziali e nelle giuste concentrazioni per un corretto sviluppo del bambino. Inoltre, si tratta di un alimento a costo zero, disponibile in ogni momento e che riduce il rischio di allergie nel piccolo.

Allattare al seno fa bene anche alla mamma: la conferma dell'Oms - Salute e benessere

L'Oms ribadisce poi che allattare al seno fa bene anche alla mamma in quanto riduce il rischio di emorragie post partum, cancro al seno e alle ovaie e osteoporosi dopo la menopausa.  

Allattamento al seno: numeri poco incoraggianti nonostante sia una pratica da promuovere - Salute e benessere

Nonostante siano ormai chiari i benefiici dell'allattamento al seno, ancora quasi la metà dei bambini nel mondo non viene nutrito esclusivamente con questa modalità e in Italia, stando ai dati del Ministero della Salute, non è una diffusione ottimale ma "disomogenea nelle varie regioni, con una maggiore distribuzione nel Nord-Est". L'Oms quindi sostiene che per promuovere l'allattamento al seno servano incentivi come  "la concessione di un congedo di maternità retribuito per un minimo di 18 settimane e un congedo di paternità retribuito per incoraggiare la responsabilità condivisa", insieme a "un posto di lavoro adatto a supportare la prosecuzione dell'allattamento e assistenza all'infanzia a prezzi accessibili".

Commenti
    Tags:
    allattamento al senoallattamento al seno omsallattamento al seno come funzionaallattamento al seno come fareallattamento al seno fa malesalute e benesserecome allattare al senoallattare al seno fa bene anche alla mamma
    in evidenza
    La moda come investimento? I 5 must-have più remunerativi

    Costume

    La moda come investimento?
    I 5 must-have più remunerativi

    i più visti
    in vetrina
    Ascolti tv, salvate il soldato Cuccarini: boicottata dai gay e dalla sinistra

    Ascolti tv, salvate il soldato Cuccarini: boicottata dai gay e dalla sinistra


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    McLaren Automotive annuncia un nuovo modello della gamma Ultimate Series

    McLaren Automotive annuncia un nuovo modello della gamma Ultimate Series


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.