A- A+
Medicina

ALZHEIMER CURA: FARMACO CONTRO L’ICTUS EFFICACE PER PREVENIRE L’ALZHEIMER | ALZHEIMER NEWS

Prevenzione Alzheimer: ricercatori americani hanno scoperto che un farmaco che potrebbe trattare l'ictus può anche prevenire l’Alzheimer. I risultati della University of Southern California sono stati pubblicati sul Journal of Experimental Medicine.

Lo studio mostra che la proteina geneticamente modificata 3K3A-APC protegge il cervello dei topi con sintomi simil-Alzheimer, riducendo l'accumulo di peptidi tossici e prevenendo la perdita di memoria.
3K3A-APC è una versione geneticamente modificata di una proteina del sangue umano chiamata proteina C attivata, che riduce l'infiammazione e protegge sia i neuroni che le cellule che rivestono le pareti dei vasi sanguigni dalla morte e dalla degenerazione. 3K3A-APC ha effetti benefici in vari modelli murini di malattia, tra cui lesioni cerebrali traumatiche e sclerosi multipla.

Attualmente il farmaco è in fase di sviluppo per il trattamento dell'ictus nell'uomo, dove è stato dimostrato che è sicuro, ben tollerato e in grado di ridurre il sanguinamento intracerebrale.

"Grazie alle sue attività neuro-protettive, vasculo-protettive e anti-infiammatorie in più modelli di disordini neurologici, abbiamo voluto verificare se il 3K3A-APC può anche proteggere il cervello dagli effetti tossici della tossina dell'amiloide-ß in un modello murino di malattia di Alzheimer", ha detto Berislav V. Zlokovic.
Peptidi di amiloide-ß tossici si accumulano nel cervello dei malati di Alzheimer, portando a neurodegenerazione e riduzione del flusso sanguigno nel cervello. Zlokovic e colleghi hanno scoperto che 3K3A-APC ha ridotto significativamente l'accumulo di amiloide-ß nel cervello dei topi che di solito producono grandi quantità di peptide tossico.

Il trattamento con 3K3A-APC ha impedito a questi topi di perdere la memoria e ha contribuito a mantenere il normale flusso sanguigno cerebrale. Il farmaco ha anche soppresso l'infiammazione all'interno del cervello, un'altra caratteristica comune della malattia di Alzheimer.

Zlokovic e colleghi hanno scoperto che il 3K3A-APC protegge il cervello impedendo alle cellule nervose di produrre un enzima chiamato BACE1 necessario per produrre l'amiloide-ß.

Diversi inibitori di BACE1 sono stati testati in studi clinici per la malattia di Alzheimer, ma il nuovo studio suggerisce che l'utilizzo di 3K3A-APC per bloccare la produzione di BACE1 potrebbe essere un approccio alternativo, in particolare nelle prime fasi della malattia quando l'amiloide-ß ha ancora accumulare a livelli capaci di danneggiare permanentemente il cervello.

"I nostri dati attuali supportano l'idea che il 3K3A-APC possa essere considerato un'efficace terapia anti-amiloide-ß per lo stadio iniziale della malattia di Alzheimer negli esseri umani", ha detto Zlokovic.
 

Commenti
    Tags:
    come prevenire alzheimeralzheimer curaalzheimeralzheimer news
    in evidenza
    Fabio Fognini trionfa a Montecarlo "Dedico la vittoria a mia mamma"

    Tennis

    Fabio Fognini trionfa a Montecarlo
    "Dedico la vittoria a mia mamma"

    i più visti
    in vetrina
    Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

    Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Concept GLB cresce la famiglia dei SUV Mercedes

    Concept GLB cresce la famiglia dei SUV Mercedes


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.