A- A+
Medicina
Alzheimer, novità per la cura: brevettato treno per "viaggio virtuale"
Advertisement

Un viaggio in treno virtuale per i malati di Alzheimer, che trasmette una "sensazione di quiete e benessere generata da stimoli cognitivi ed emotivi rasserenanti che aiutano a combattere gli stati di ansia" tipici di quella patologia. E' cio' che promette il prototipo di carrozza ferroviaria brevettata dal Politecnico di Milano che consente di simulare un rilassante viaggio in treno.

I pazienti, comodamente seduti su poltroncine contenitive in grado di sostenere e dare sollievo, possono osservare su uno schermo il paesaggio che scorre, ascoltare i tipici suoni del treno, dalle frenate alla corsa, cosi' come il vociare che riempie gli scompartimenti. Le luci utilizzate nella speciale carrozza sono inoltre ben calibrate rispetto alla luce "virtuale" dello schermo per garantire un effetto realistico. All'interno della carrozza e' inoltre possibile integrare delle webcam per consentire il monitoraggio in remoto dell'ospite da parte degli operatori sanitari. La carrozza prevede anche un "ingresso" che, con ausili multimediali ed elementi iconografici, consente di offrire ai pazienti una vera e propria introduzione al viaggio.

La versione del dispositivo ambientale brevettata rappresenta l'ultima evoluzione in tale ambito, in quanto raccoglie il frutto di diversi anni di sperimentazioni. Una differenza sostanziale con i modelli attualmente in uso, sta nella possibilita' di essere riprodotto, spedito e allestito in tempi relativamente brevi in case di cura e nei reparti di terapia per l'Alzheimer con garanzia di risultato finale adeguato.

Il dispositivo e' un ausilio per la cosiddetta 'Terapia Non Farmacologica', segnalata da tempo dalla comunita' medico-scientifica come approccio prioritario soprattutto per gli stadi avanzati della malattia. Tale approccio pone come alternativa all'assunzione di farmaci (tipicamente sedativi), la messa in atto di pratiche di natura cognitiva o occupazionale capaci di generare un senso di quiete e mitigare gli stati di ansia, in particolare "ansia da fuga". Gli specialisti nel trattamento dell'Alzheimer, rispetto a questa particolare tipologia di disturbi, hanno individuato nel "viaggio in treno" l'esperienza che piu' di tutte possa accomunare il passato di persone appartenenti a diversi ambiti socio-culturali, ritenendola quindi ideale come ambientazione della terapia. I progettisti del dispositivo brevettato sono Alessandro Biamonti del Politecnico di Milano, il terapeuta Ivo Cilesi e l'architetto Lapo Lani.

Tags:
alzheimer nuova cura trenoalzheimer novità cura treno viaggio virtuale

in vetrina
Milan-Ibrahimovic, la risposta di Zlatan sarà... AC MILAN NEWS

Milan-Ibrahimovic, la risposta di Zlatan sarà... AC MILAN NEWS

i più visti
in evidenza
Kate Moss, busto a 18 carati Sotheby’s lancia un'asta "d'oro"

Costume

Kate Moss, busto a 18 carati
Sotheby’s lancia un'asta "d'oro"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Formula 1: Vettel verso l’addio alla Ferrari?

Formula 1: Vettel verso l’addio alla Ferrari?

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.