Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

"C'è un nesso tra vaccinazione e democrazia"

Parla Andrea Grignolio, storico della Medicina alla Sapienza

Di Carlo Patrignani
"C'è un nesso tra vaccinazione e democrazia"

La bella e fascinosa parola immunità, legata immeditamente a malattia, è rieccheggiata più e più volte tanto da essere il filo rosso di un incontro-confronto tra Andrea Grignolio, storico della Medicina alla Sapienza, e autore del libro, oggetto della discussione, 'Chi ha paura dei vaccini?' alla libreria romana Odradek, e il Gruppo Storia dell'Associazione culturale Amore & Psiche.

Con una novità in assoluto: il forte nesso tra vaccini e democrazia, come lo stesso Grignolio mette subito in grande risalto: "è stata la prima volta che in un confronto pubblico una platea attenta e preparata ha colto a pieno con interventi di qualità il nesso che c'è tra la vaccinazione, atto di responsabilità individuale, e la democrazia, perchè essa è anche un atto di responsabilità collettiva: la mancata vaccinazione non a caso mette a rischio gli altri facendo venir meno l'immunità di gregge".

Affermare così il principio medico-scientifico della immunità dalla malattia - e nello specifico dalle malattie infettive come il morbillo e il tetano, il vaiolo e la rosolia, come le peste e la malaria - subito toglie di mezzo la credenza religiosa del Male quale Ombra del Divino per il trionfo del Bene e la negazione della scienza medica e dei suoi innegabili progressi: antibiotici, farmaci salvavita, chemioterapia, Rx, Tac, Pet.

Ce la possiamo fare con i no-vax e quindi conseguire l'immunità di gregge: i radicali o talebani contrari ai vaccini che si esprimono per lo più sulla Rete, in realtà rappresentano una quota minoritaria, non più del 5%, aggiunge Grignolio che fa sue le considerazioni di Elena Cattaneo e di Roberto Burioni - siamo tornati all'uomo delle caverne - sul caso della bimba morta al Bambin Gesù di Roma per morbillo, malattia che ha contagiato il Settebello alla vigilia dei mondiali di pallanuoto.

La scienza è esatta e all'epidemiologia non si sfugge: i dati dicono che ogni 2-3 mila casi di morbillo, c'è da aspettarsi un decesso e così avviene. Questi dati non sono opinioni ma fatti. Spaventa allora che nel 2017 ci siano persone che ostinatamente si rifiutano di prenderli nella dovuta considerazione e serietà, chiosa lo storico della Medicina rimasto ben impressionato dal livello del confronto avuto alla libreria Odradek con psichiatri e psicoterapeuti (Francesco Savero Calabresi e Alberto Lattanzi) e medici specialisti( Ester Ferlisi, Massimo Covini, Quinto Tozzi) e studiosi di filosofia, letteratura e storia (Noemi Ghetti).

E dall'incontro-confronto su vaccini e democrazia è venuto fuori un messaggio per la classe medica: se il rapporto medico-paziente è un rapporto privato e tale deve restare, esso però va arricchito sia con l'ascolto oltre che del disturbo anche del vissuto del paziente per colmare un vuoto abilmente sfruttato dalle medicine alternative, e sia con un ruolo pubblico del medico con un'informazione più marcata e presente in quanto l'arte medica non può prescindere dal sociale e dalla società.

Insomma, un rapporto che deve essere contemporaneamente privato e pubblico o sociale perchè anche l'operatore della medicina sia organica che psichiatrica e psicoterapeutica concorre con il suo ruolo e la sua formazione, come il vaccino, alla salvaguardia e allo sviluppo della democrazia. E questo è l'avvio di un nuova e originale ricerca sulla cultura, sul quel che ribolle nella pancia e nella testa della società, in cui opera lo scienziato, il medico, come lo psichiatra e lo psicoterapeuta. 


In Vetrina

Isola dei famosi 2018, naufraghi vip esclusi: chi sono. ISOLA FAMOSI 2018 NEWS

In evidenza

"Harry? Anche lui femminista" Meghan Markle, bufera look
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Dakar 2018, Peugeot lanciata verso il trionfo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.