A- A+
Medicina
Cervello impara a vedere di nuovo. Cecità: perdi la vista? CERVELLO si riavvia

Cervello impara a vedere di nuovo. Cecità: perdi la vista? CERVELLO si riavvia
 

Cervello e cecità: grandi scoperte. Anche perché la cecità è un problema sanitario globale, con 40 milioni di persone colpite nel pianeta.Gli scienziati stanno cercando di realizzare sofisticate protesi in grado per rimediare al danneggiamento della retina, ossia la membrana nervosa sensibile alla luce che si trova nel bulbo oculare ed è una componente fondamentale della visione.


CECITA', LE CAUSE


Cecità spesso nasce come degenerazione retinica che si manifesta in modo lento e progressivo.


PROTESI RETINICA ANTI CECITA'


Per creare una protesi retinica efficace e affidabile occorre rispondere a una domanda cruciale: come il cervello dei soggetti non vedenti da molto tempo sarebbe ancora in grado di elaborare le informazioni che provengono dalla retina? La risposta hanno provato a darla Elisa Castaldi e Maria Concetta Morrone, due ricercatrici dell'Università di Pisa, studiando pazienti affetti da retinite pigmentosa, una malattia ereditaria che porta gradualmente alla totale cecità a causa di una degenerazione della retina.


MICROCHIP CONTRO LA CECITA'


Castaldi e Morrone hanno impiantato in occhi di volontari un microchip in grado di tradurre gli stimoli visivi in segnali, che sono stati trasmessi alle cellule dei gangli della retina, un tipo di neuroni che si trova nello strato più interno di questa membrana, a monte del nervo ottico rispetto al tragitto dei segnali verso il cervello. Le studiose hanno verificato l'effetto della stimolazione sia in base a quanto riferito dai soggetti sia in base alle scansioni di risonanza magnetica sul loro cervello.


MICROCHIP E CECITA': I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE


Il risultato della sperimentazione è stato positivo. I pazienti hanno imparato a riconoscere stimoli visivi inusuali, come i lampi di luce, e questa capacità è risultata correlata con un incremento dell'attività a livello della corteccia cerebrale e del talamo, una struttura posta alla base del cervello, importante per l'elaborazione delle informazioni sensoriali.


IL CERVELLO IMPARA A VEDERE DI NUOVO: MA SERVE UN ADDESTRAMENTO


E' servito un lungo periodo di addestramento. Quanto più il soggetto si esercitava tanto più il cervello rispondeva agli input e percepiva gli stimoli visivi generati dall'impianto protesico. Nasceva un meccanismo di rinforzo positivo: più il soggetto percepiva la luce, più imparava a percepire e migliorava questa percezione.



Dopo la cecità il cervello riavvia la capacità di vedere: i risultati


I risultati mostrano che, dopo l'impianto di un dispositivo protesico, il cervello subisce un rimodellamento plastico che gli permette di "reimparare" a gestire i nuovi segnali visivi. L'esito dello studio è importante anche pensando che c'è una plasticità cerebrale residua anche dopo molti anni di deprivazione sensoriale, di cui si potrà tenere conto anche nella stessa realizzazione degli impianti protesici.

 

Tags:
cervellocecitàcervello vistavista cervellocecità cervello
in vetrina
JENNIFER LOPEZ NUDA LANCIA 'BAILA CONMIGO. Le foto delle Vip

JENNIFER LOPEZ NUDA LANCIA 'BAILA CONMIGO. Le foto delle Vip

i più visti
in evidenza
"DEVI DIRMI LA VERITA'..." LACRIME NEL FALO' PAGO-SERENA

Temptation Island Vip, la resa dei conti: ultima puntata

"DEVI DIRMI LA VERITA'..."
LACRIME NEL FALO' PAGO-SERENA


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Fantic Motor presenta un concept davvero… ISSIMO

Fantic Motor presenta un concept davvero… ISSIMO


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.