A- A+
Medicina
Melanoma, svelati i dieci falsi miti

Gli specialisti raccomandano di prestare molta attenzione al sole “fuori stagione” - sulla neve o ai tropici - e di proteggersi adeguatamente dai raggi ultravioletti, a maggior ragione d’inverno, quando la pelle è “fuori allenamento”. Un’indagine di GfK Eurisko svela i falsi miti degli italiani sull’esposizione al sole e sul melanoma, mettendo in evidenza i comportamenti errati e una forte sottovalutazione dei rischi.

1. Il sole invernale è meno pericoloso di quello estivo.

In inverno la pelle è spesso fuori allenamento: dunque, un’esposizione intensiva e intermittente al sole, senza protezione, può essere dannosa come e più che in estate.

In montagna i livelli dei raggi ultravioletti aumentano del 10-12% ogni mille metri di altezza e la neve riflette circa l’80% delle radiazioni (contro il 25% del mare e il 15% della sabbia).

 

2. Le nuvole bloccano i raggi del sole e la protezione solare non è necessaria.

Le nuvole non proteggono la pelle dall'azione dei raggi solari: anzi, fino all'80% dei raggi ultravioletti passa attraverso le nuvole e può danneggiare la pelle.

 

3. Le lampade abbronzanti aiutano a preparare la pelle.

Le lampade abbronzanti emettono alte dosi di raggi ultravioletti: ciò danneggia l’epidermide e aumenta di circa il 16% il rischio di sviluppare un melanoma. Per questo motivo in Italia, così come in tutta Europa, sono vietate ai minori di 18 anni.

 

4. Non esistono alimenti che riducono il rischio di melanoma.

Alcuni studi scientifici hanno indagato la correlazione tra vari alimenti e il rischio di contrarre il tumore della pelle. Ad esempio, un recente studio americano suggerisce un potenziale effetto benefico del caffè, con un rischio minore del 20% per chi consuma 4 o più tazze di caffè al giorno.

 

5. Tanta frutta fa sempre bene alla pelle.

Generalmente frutta e verdura hanno un potere protettivo nei confronti della pelle, anche se uno studio statunitense ha individuato un possibile legame tra il consumo quotidiano di agrumi e un aumento del 36% nel rischio di sviluppare un melanoma.

 

6. Il sole fa sempre male.

Il sole non va demonizzato. Anzi, un’insufficiente esposizione può comportare carenza di vitamina D, che l’organismo sintetizza anche grazie ai raggi ultravioletti assorbiti dalla pelle, associata a numerose patologie, come le malattie auto-immuni, le infezioni, i disturbi cardiovascolari e persino i tumori.

 

7. Scottature ed eritemi sono un fenomeno fastidioso, ma del tutto innocuo.

La scottatura è un’infiammazione della pelle causata dalla sovraesposizione ai raggi ultravioletti. I danni al Dna cellulare si possono accumulare nel tempo, favorendo così la trasformazione tumorale.

 

8. Il controllo dei nei non è necessario se non si hanno nei grandi.

Il 62% degli italiani non ha mai fatto il controllo dei nei1. Eppure, il controllo periodico dei nei (almeno una volta all’anno) rappresenta un importante mezzo di prevenzione per tutti ed è fondamentale per le persone più “a rischio” (pelle molto chiara, familiarità, numero di nei superiore alla media).

 

9. Il melanoma colpisce solo le persone anziane.

Il melanoma è uno dei principali tumori che insorge in giovane età, con una media di soli 50 anni e ben 1 caso su 5 che viene riscontrato prima dei 40 anni.

 

10. Per il melanoma in fase avanzata non esistono terapie.

Anche se solo da pochissimi anni, sono disponibili diverse terapie valide per il trattamento del melanoma cutaneo, anche in fase avanzata. In particolare queste si dividono in due categorie: immunoterapici e farmaci diretti contro mutazioni specifiche del DNA delle cellule tumorali, che possono essere usati singolarmente o in combinazione. Ne è un esempio la combinazione dei farmaci personalizzati vemurafenib-cobimetinib, che sono in grado di bloccare selettivamente l'attività di due proteine, rispettivamente BRAF mutato e MEK, in modo da interrompere l’anomalo segnale che causa la crescita incontrollata delle cellule tumorali.


 
Tags:
melanomafalsimitiverità

in vetrina
Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara-gate"

Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara-gate"

i più visti
in evidenza
Macigno sul Grande Fratello Vip L'amara scelta di Mediaset

Ascolti flop

Macigno sul Grande Fratello Vip
L'amara scelta di Mediaset

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.