A- A+
Medicina
Morbillo, allarme Unicef: "Casi in aumento del 300%." Epidemia in Italia

Morbillo, allarme Unicef: 110mila casi nei primi mesi 2019, + 300% rispetto al 2018

Il morbillo è altamente contagioso e presto potremmo trovarvi di fronte ad una vera e propria epidemia. Questo è quanto si evince dalla denuncia pronunciata da Unicef in occasione della Settimana mondiale delle Vaccinazioni, in merito ai casi di morbillo, che nel 2019 sono aumentati del 300% rispetto agli anni precedenti.

La causa principale di questo netto aumento è l'insufficiente copertura vaccinale, conseguenza sia dei tagli alla Sanità sia dello scetticismo e timore nei confronti dei vaccini.

Morbillo, Unicef: “Casi in aumento del 300%. 435mila bambini non vaccinati in Italia”

Si è stimato che solo in Italia ci siano almeno 435mila bambini non vaccinati e ciò colloca il nostro Paese al quinto posto tra i paesi ricchi con minore copertura vaccinale.

Al primo posto della classifica dei Paesi ad alto reddito con il maggior numero di bimbi che non hanno ricevuto la prima dose di vaccino contro il morbillo troviamo gli Stati Uniti con più di 2,5 milioni di bambini non vaccinati, seguiti da Francia e Regno Unito rispettivamente con oltre 600.000 e 500.000 bambini non vaccinati.

«È importante non solo ampliare la copertura ma anche mantenere i tassi di vaccinazione alle dosi più adatte per creare un ombrello di immunità per tutti» ha dichiarato Henrietta Fore, Direttore generale dell'Unicef.

L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda una soglia del 95% di copertura vaccinale per raggiungere la cosiddetta immunità di gregge.

Allarme dell'Unicef sul morbillo: "Nel mondo 169 milioni di bambini non vaccinati. Troppa disinformazione"

Nonostante i vaccini siano una delle conquiste più importanti della medicina e un fondamentale strumento di tutela della salute pubblica, negli ultimi anni sono aumentati sempre di più il numero di coloro che si dichiarano contrari al loro utilizzo. I motivi di questa posizione sono diversi, alcuni anche molto noti: “I vaccini sono causa di autismo” è forse una delle spiegazioni anti-scientifiche più accreditate. Ma anche l'esposizione ai siti web e i social network ha contribuito ad incrementare il fenomeno, in quanto si finisce per essere esposti maggiormente ai siti anti-vaccinisti che, numericamente, costituiscono la maggioranza dell’informazione disponibile sul tema su internet.

In questo modo disinformazione, paura e mancanza di conoscenza formano un cocktail molto pericoloso per noi e per la salute dei nostri figli. Perché bisogna tenere a mente che la scelta di vaccinare o meno non è solo una questione individuale, ma riguarda tutti.

Commenti
    Tags:
    morbilloallarme morbillomorbillo aumento casimorbillo italiavaccinimorbillo epidemia
    in evidenza
    Matteo e Francesca al mare Non c'è crisi per la coppia. FOTO

    Baci, abbracci e giochi in acqua

    Matteo e Francesca al mare
    Non c'è crisi per la coppia. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Ribery alla Fiorentina, ma gli occhi dei tifosi sono per la traduttrice. FOTO

    Ribery alla Fiorentina, ma gli occhi dei tifosi sono per la traduttrice. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Francoforte 2019 : Opel svela la prima un’auto da rally elettrica

    Francoforte 2019 : Opel svela la prima un’auto da rally elettrica


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.