A- A+
Medicina
NO VAX NON SIETE BENVENUTI, gelateria espone un cartello pro obbligo vaccini

NO VAX NEWS: GELATERIA ESPONE CARTELLO 'NO VAX NON SIETE BENVENUTI'

"No-vax , free-vax siete un pericolo per la comunità in cui vivete. I vostri incolpevoli figli dovrebbero essere tenuti fuori dalle scuole dove, oltre alla propria, metteranno a rischio la vita di quasi 10.000 bambini immunodepressi che per questo non hanno potuto vaccinarsi. Non siete i benvenuti nella mia gelateria". Questo in sintesi il contenuto di un cartello apparso nella vetrina di una gelateria di Chiavari, la Cremeria Spinola

VACCINI: CREMERIA SPINOLA DI CHIAVARI ESPONE CARTELLO 'NO VAX NON SIETE BENVENUTI' 

L'iniziativa del proprietario, che firma il messaggio contro i NO VAX con nome e cognome, una volta postata sulla pagina Facebook della gelateria, ha scatenato gli insulti, anche pesanti, di chi evidentemente non la pensa come lui. Il post, rilanciato da molti gruppi, è stato poi bersagliato con epiteti e minacce.

Nel cartello , Matteo Spinola scrive ancora: "I vaccini sono uno strumento di vita, senza se e senza ma. Non voglio nel mio paese le vostre leggi omicide e faccio a meno del vostro denaro". Quindi la conclusione: "Non siete i benvenuti nella mia gelateria".

OBBLIGO VACCINI: GELATERIA ESPONE CARTELLO 'NO VAX NON SONO BENVENUTI'. I COMMENTI SUI SOCIAL

Immediati i commenti, quasi tutti contro l'iniziativa del gelataio a favore dei vaccini obbligatori, al quale vengono rivolti epiteti e minacce. Si va da: "Ma il gusto olio di ricino c'è in codesta gelateria?", "Mangiateli i tuoi gelati Di merda", a "Fatti curare!", per citarne alcuni. E ancora: "Complimenti per la spaventosa ignoranza che dimostri. Come può un essere cosi imbecille avere un'attività???"; "Ti auguro di chiudere presto. Per mancanza di clienti"; "Vediamo se arriva l'ASL nella sua gelateria, se è tutto ok ?...."; "Spero che così sarai costretto a chiudere chissà che ti si 'apra' la mente". Sulla pagina Facebook del gruppo 'Libertà di scelta vaccinale in Italia' si evocano leggi razziali e indagini della procura: "Come al tempo dei nazisti che non facevano entrate gli ebrei nei locali, oggi questa gelateria e il suo titolare scrivono una delle pagine più tristi della storia italiana. Sperando che qualche procura indaghi il titolare per istigazione all'odio razziale".
 

Tags:
no vaxobbligo vaccinivaccini obbligatorivaccinino vax newsno vax non siete benvenuticremeria spinola chiavari

in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.