A- A+
Medicina
Piano Nazionale Demenze: Federazione Alzheimer Italia lancia una petizione

Federazione Alzheimer Italia ha lanciato una petizione su Change.org per richiedere fondi per il Piano Nazionale Demenze, a sostegno delle persone con demenza e delle loro famiglie. L'obiettivo è raccogliere 100.000 firme entro l'8 novembre.

L’Italia è dotata di un Piano Nazionale Demenze, approvato nel 2014, che traccia le linee di indirizzo per promuovere e migliorare la qualità e l’appropriatezza degli interventi, in base ai bisogni specifici, gli aspetti terapeutici e l’accompagnamento dei malati e dei loro familiari lungo l’intero percorso di cura. Ma al momento questo Piano non è stato ancora finanziato.

La Federazione Alzheimer Italia chiede quindi al governo, e in particolare al Ministro della Salute Giulia Grillo, di individuare dei fondi da destinare affinché questo Piano possa concretizzarsi in interventi che aiutino concretamente malati e famiglie ad affrontare le difficoltà di ogni giorno.

Il comunicato della Federazione Alzheimer Italia spiega: "Al Ministro Grillo è stato inviato un appello in via privata lo scorso 20 settembre, alla vigilia della XXV Giornata Mondiale Alzheimer, chiedendole di impegnarsi con un gesto concreto in nome dei diritti di 1.241.000 malati che si contano in Italia e delle loro famiglie, che vivono tuttora nella gestione solitaria di una malattia devastante, caratterizzata da scarsi servizi e radicato stigma sociale. Non avendo ricevuto risposta, la Federazione Alzheimer Italia ha avviato la petizione su Change.org diffondendo anche il video appello diretto al Ministro Grillo da parte di Kate Swaffer, 60enne australiana a cui è stata diagnosticata la demenza 10 anni fa e che da allora gira il mondo per dire a tutti 'Guarda la persona, non la demenza'”.

Presidente di DAI (Dementia Alliance International), l’associazione mondiale dei malati, Kate è stata di recente ospite della Federazione Alzheimer in Italia proprio per suggerire di non fermarsi a guardare la drammatica perdita di memoria o il disorientamento che può colpire un uomo o una donna, di non guardare le sue difficoltà di linguaggio o l’alterazione del suo comportamento, ma di osservare e accogliere quell'uomo e quella donna come membri della comunità in cui vivono con pari dignità, diritti e possibilità di ogni cittadino.

All’appello di Kate e della Federazione Alzheimer si è unito l’assessore alle Politiche sociali, salute e diritti del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, sottolineando la necessità di porre in primo piano le esigenze delle persone con demenza per trovare soluzioni efficaci.

C’è tempo fino al 9 novembre per firmare la petizione su Change.org e raggiungere l’obiettivo di 100mila firme.
 

Commenti
    Tags:
    piano nazionale demenze; federazione alzheimer italia
    in evidenza
    La nuova campagna Tampax #decidoio by Publicis Italia

    Costume

    La nuova campagna Tampax
    #decidoio by Publicis Italia

    i più visti
    in vetrina
    Juventus-De Ligt, intesa con Raiola per il talento dell'Ajax. E Kean...

    Juventus-De Ligt, intesa con Raiola per il talento dell'Ajax. E Kean...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Zafira Life: la monovolume a tre taglie fino a 9 posti

    Opel Zafira Life: la monovolume a tre taglie fino a 9 posti


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.