A- A+
Medicina
ROP: Novartis riceve il parere positivo del CHMP per ranibizumab

Novartis riceve il parere positivo del CHMP per ranibizumab nel trattamento nei neonati pretermine della retinopatia del prematuro (ROP, retinopathy of prematurity), una malattia che causa compromissione della vista e cecità

Novartis ha annunciato oggi che il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP, Committee for Medicinal Products for Human Use) dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA, European Medicines Agency) ha raccomandato l’approvazione di Lucentis (ranibizumab) per il trattamento della retinopatia del prematuro (ROP) nei neonati pretermine.

La ROP è una rara malattia della retina, nonché una delle principali cause di cecità infantile.

La Commissione europea esaminerà il parere del CHMP e si prevede emetterà la sua decisione finale entro tre mesi. Se verrà approvato per questa indicazione, ranibizumab sarà la prima e unica terapia farmacologica indicata per la ROP in questa popolazione di pazienti particolarmente vulnerabili. La domanda di approvazione è basata sullo studio clinico randomizzato e controllato RAINBOW, il quale ha dimostrato che, nei bambini con ROP, ranibizumab è efficace e con un buon profilo di tollerabilità. 

La chirurgia laser – l’attuale standard terapeutico – agisce distruggendo il tessuto oculare responsabile dell’aumento del fattore di crescita dell’endotelio vascolare (VEGF, vascular endothelial growth factor) e può essere associata a significative complicanze. Sebbene sia un trattamento efficace, esiste un evidente bisogno insoddisfatto di metodi innovativi per trattare la ROP che tramite un diverso meccanismo d’azione, non distruggano il tessuto retinico. A differenza della chirurgia laser, ranibizumab è in grado di ridurre i livelli intraoculari aumentati di VEGF – che sono la causa alla base dei processi patologici della ROP.

Se approvato nella UE, ranibizumab (nella dose da 0,2 mg) sarà indicato per il trattamento dei neonati prematuri con ROP in zona I (stadio 1+, 2+, 3 o 3+), in zona II (stadio 3+) o con una forma grave di ROP definita “aggressive posterior” (AP-ROP).

“Considerando questa popolazione di pazienti particolarmente vulnerabili e i limiti dei trattamenti attuali, gli studi clinici controllati e randomizzati sono importanti per garantire un uso sicuro ed efficace delle terapie farmacologiche nelle popolazioni di pazienti pediatrici. Se sarà approvato, ranibizumab rappresenterà una valida alternativa alla terapia laser”, ha commentato il professor Andreas Stahl, Direttore del Dipartimento di Oftalmologia del Centro medico universitario di Greifswald.

“Riconosciamo l’importanza di investire in programmi clinici atti sia ad assicurarsi l’Autorizzazione all’Immissione in Commercio, sia a garantire un uso sicuro delle terapie farmacologiche nelle popolazioni vulnerabili di pazienti pediatrici”, ha affermato Dirk Sauer, Development Unit Head di Novartis Ophthalmology. “Siamo entusiasti di esserci ulteriormente avvicinati alla possibilità di rendere disponibile questo trattamento innovativo ai pazienti prematuri con ROP in tutta Europa. L’opinione positiva del CHMP è una testimonianza della nostra incessante dedizione all’innovazione, che perseguiamo affrontando i bisogni insoddisfatti e ridisegnando la cura dell’occhio in tutte le fasce d’età”.


Ranibizumab

Ranibizumab – la prima terapia anti-fattore di crescita dell’endotelio vascolare (anti-VEGF) autorizzata per uso oftalmico – ha rivoluzionato il trattamento delle maculopatie e in diverse parti del mondo ha contribuito a ridurre del 50% la cecità causata dalla malattia. Dopo oltre un decennio di innovazione e sei indicazioni (nAMD, DME, BRVO, CRVO, mCNV e altre forme di neovascolarizzazione coroideale [CNV]), ranibizumab continua a preservare la vista dei pazienti di tutto il mondo. Continuiamo a studiare la possibilità di ranibizumab di trasformare anche il trattamento dei pazienti più giovani e vulnerabili.
Ranibizumab è disponibile in oltre 110 Paesi ed è supportato da un portfolio di 251 studi clinici sponsorizzati e da una vasta esperienza real-world. Il programma di sviluppo clinico di ranibizumab ha arruolato oltre 130.000 pazienti in tutte le indicazioni, con un’esposizione al trattamento pari a 5,5 milioni di anni-paziente sin dal 2006, anno del lancio della terapia negli Stati Uniti. Ranibizumab è stato sviluppato da Genentech e Novartis. Genentech mantiene i diritti su ranibizumab negli Stati Uniti; Novartis detiene i diritti nel resto del mondo. Lucentis è un marchio registrato di Genentech Inc.

La ROP

La retinopatia del prematuro colpisce i neonati pretermine sia nei Paesi sviluppati sia in quelli in via di sviluppo. Causata dallo sviluppo anomalo dei vasi sanguigni della retina nel neonato prematuro, la progressione della malattia è dovuta ai livelli elevati di un fattore di crescita chiamato VEGF.
Dopo parto prematuro, l’ipossia a cui è sottoposto il tessuto retinico provoca livelli elevati di VEGF e di conseguenza lo sviluppo anormale dei vasi sanguigni della retina, il quale può provocare anomalie strutturali come il distacco della retina stessa, con conseguente compromissione della vista o cecità. La retina è lo strato interno dell’occhio, che riceve la luce e la trasforma in messaggi visivi che vengono poi inviati al cervello. La retina si sviluppa tardi nell’utero e i bambini molto prematuri potrebbero soffrire di uno sviluppo incompleto dei vasi sanguigni necessari a fornire ossigeno. Il VEGF è un importante regolatore dello sviluppo di nuovi vasi sanguigni (un processo noto come angiogenesi), e svolge un ruolo chiave nella progressione della ROP. Se non si sviluppano normalmente, durante la ROP i vasi sanguigni possono esercitare una trazione sulla retina e provocare trascinamento maculare, distacco della retina o altre anomalie strutturali, che possono a loro volta causare perdita della vista o potenziale cecità. 

Lo studio RAINBOW

Condotto in 26 Paesi, lo studio RAINBOW è uno studio multicentrico controllato e randomizzato, condotto in aperto e concepito per confrontare l’efficacia e la sicurezza di ranibizumab intravitreale con la chirurgia laser in 225 pazienti con ROP. Lo studio ha paragonato all’attuale standard di cura (la chirurgia laser) due diverse concentrazioni di ranibizumab: 0,1 mg e 0,2 mg. I risultati dello studio sono stati valutati a 24 settimane dopo l’inizio dello studio. Attualmente è in corso uno studio di estensione a lungo termine di 5 anni, che dovrebbe concludersi nel quarto trimestre del 2022.
 

Commenti
    Tags:
    rop; novartis; ranibizumab
    Loading...
    in evidenza
    DILETTA LEOTTA... SENZA SLIP? Guarda la foto che scalda il web

    Belen, sotto il lenzuolo niente

    DILETTA LEOTTA... SENZA SLIP?
    Guarda la foto che scalda il web

    i più visti
    in vetrina
    BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip

    BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lo sportivo GLA completa la gamma suv di casa Mercedes

    Lo sportivo GLA completa la gamma suv di casa Mercedes


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.