A- A+
Medicina
Vacanze esotiche, paura superbatteri per gli italiani: come evitare contagio

Vacanze esotiche: è allarme per superbatteri resistenti agli antibiotici. 500mila italiani l'anno tornano a casa infetti. I giovani sono i più a rischio. I consigli degli esperti per evitare il contagio - Salute e benessere

I superbatteri sono un diventati un problema a livello globale. Un uso eccessivo e spesso ingiustificato degli antibiotici ha infatti rafforzato alcuni germi e oggi le cure contro determinate patologie sono diventate molto meno efficaci rispetto al passato. Gli esperti temono che entro il 2050 si arriverà a 450mila morti l'anno solo in Italia a causa dei superbatteri resistenti agli antibiotici. Il contagio comunque potrebbe arrivare anche sotto l'ombrellone.

Vacanze esotiche: 500mila italiani contagiati ogni anno da suberbatteri resistenti agli antibiotici. I giovani sono i più a rischio - Salute e benessere

Quasi 500 mila vacanzieri italiani - uno su 4 dei circa 2 milioni che sceglieranno mete esotiche - a fine estate torneranno a casa con un 'ricordino' invisibile, ma insidioso: un'infezione da superbatteri resistenti agli antibiotici, pronti a farsi strada nell'organismo innescando una "bomba a orologeria" e un effetto domino di contagi. E' il monito lanciato dagli esperti del Gisa, Gruppo italiano per la stewardship antimicrobica, in occasione del convegno 'Antimicrobial Stewardship Toscana' in programma a Pisa il 12 giugno. Il rischio di sviluppare malattie difficili da curare con i farmaci antibatterici standard, avvertono, è particolarmente alto per gli under 30. 'Globetrotter' che restano lontani anche per mesi, più avventurosi e avvezzi a spingersi negli angoli più remoti del mondo.

Secondo i dati più recenti a disposizione degli specialisti del gruppo, il 10% dei 18 milioni di italiani che ogni anno si recano all'estero opta per destinazioni tropicali o subtropicali. Poco meno di 2 milioni di connazionali, dei quali "circa il 25% rientra colonizzato da germi resistenti agli antibiotici", spiega il presidente del Gisa Francesco Menichetti, docente di Malattie infettive all'università di Pisa. "Succede soprattutto ai 20-30enni - aggiunge - che viaggiano di più, più a lungo e spostandosi anche in zone disagevoli e aree più a rischio per 'brutti incontri'". 

Vacanze esotiche, superbatteri resistenti agli antibiotici: ecco le mete esotiche più a rischio - Salute e benessere

I batteri resistenti, precisa l'esperto, "possono essere incontrati spesso durante vacanze in aree come il Sudest asiatico, l'Africa, il Sudamerica e tutte le nazioni a basso-medio reddito, e costituiscono un rischio per il viaggiatore stesso e per la sua comunità al rientro: se si viene colonizzati da questi germi, infatti, si possono sviluppare malattie come infezioni urinarie o respiratorie, ma soprattutto si può essere un serbatoio di batteri per persone più fragili, come anziani o soggetti con patologie debilitanti. Basta poco per passare loro i germi", ammonisce Menichetti: "E' sufficiente un'igiene scarsa delle mani per diventare 'untori'". E "purtroppo, un germe resistente agli antibiotici che contagi un anziano diventa un problema serio, perché le armi a disposizione sono spuntate e le capacità di reazione del paziente scarse a causa dell'età e spesso di altre malattie concomitanti".

Vacanze esotiche, superbatteri resistenti agli antibiotici: ecco i germi di cui bisogna avere paura all'estero - Salute e benessere

Ma quali sono queste superinfezioni-souvenir? "Accanto ai rischi classici come Dengue, malaria o diarrea del viaggiatore - evidenziano gli specialisti - esistono anche pericoli più subdoli connessi alle vacanze: chi è colonizzato da germi resistenti, infatti, non necessariamente sviluppa sintomi eclatanti, ma ha addosso una sorta di 'bomba a orologeria' pronta a esplodere".

Superbatteri resistenti agli antibiotici: il problema non riguarda solo le infezioni ospedaliere. Attenzione alle vacanze esotiche - Salute e benessere

"Siamo abituati a pensare di poter essere contagiati dai batteri resistenti solo in contesti ospedalieri (a tal proposito è stato scoperto il meccanismo che ha reso più forte uno dei germi che provoca la maggior parte delle infezioni ospedaliere), ma non è così", chiarisce Menichetti: "Anche i viaggi in Paesi tropicali e subtropicali sono un fattore di rischio. Secondo le stime, su 100 mila viaggiatori che restano un mese all'estero, uno su due avrà disturbi durante il viaggio, 8 mila dovranno recarsi dal medico, 5 mila saranno costretti almeno un po' a letto e 300 saranno ricoverati nel corso della vacanza o al rientro. Sono soprattutto questi soggetti a essere ad alto rischio di colonizzazione da parte di germi resistenti".

"Così - suggerisce il numero uno del Gisa - se durante la vacanza si è avuto un episodio di diarrea o una febbre, se si sono dovuti prendere antibiotici, se si è stati ricoverati o si è andati in un Pronto occorso per qualsiasi motivo, ma anche se si è stati in viaggio molto a lungo, è importante sospettare che ci possa essere stata una colonizzazione batterica. Rivolgersi al medico ed eventualmente sottoporsi a un tampone rettale per verificarlo può essere opportuno, soprattutto se si vive a stretto contatto con persone anziane o pazienti fragili".

Vacanze esotiche, allarme super batteri: i consigli per gli italiani che passano le vacanze in posti esotici e vogliono evitare il contaggio da super batteri resistenti agli antibiotici - Salute e benessere

"La prevenzione è tuttavia la migliore alleata", puntualizza Menichetti. "Quando si viaggia in Paesi a rischio e dalla scarsa igiene - ricorda Menichetti - è opportuno fare estrema attenzione all'igiene delle mani e all'alimentazione, evitando cibi crudi, le bibite non imbottigliate e il ghiaccio aggiunto alle bevande".

Ecco dunque le regole del Gisa per non rischiare in viaggio e al rientro:

1) Lavare sempre con cura le mani, soprattutto prima di mangiare;

2) Non mangiare verdure o altri cibi crudi, ma preferire sempre gli alimenti ben cotti;

3) Evitare i gelati e il ghiaccio da aggiungere alle bevande;

4) Bere solo da bottiglie sigillate;

5) Se in viaggio si è avuta diarrea, febbre, si è stati in un Pronto soccorso di un Paese tropicale o subtropicale per un qualsiasi motivo, rivolgersi al medico al rientro per valutare l'opportunità di un tampone rettale per verificare che non ci sia una colonizzazione di batteri resistenti.

Commenti
    Tags:
    vacanze esotichevacanze esotiche low costvacanze all’esteroviaggi low costsuperbatterisuperbatteri italiasuperbatteri cosa sonosuper batteri infezionisuper batteri resistenti agli antibioticisalute e benesseresuper batteri allarmevacanzemete esotiche
    in evidenza
    Allenarsi a non fare nulla La lentezza è cool

    Costume

    Allenarsi a non fare nulla
    La lentezza è cool

    i più visti
    in vetrina
    Caterina Balivo madrina del Pride di Milano: polemica social

    Caterina Balivo madrina del Pride di Milano: polemica social


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Peugeot 2008: il SUV giovane che piace a tutti

    Nuovo Peugeot 2008: il SUV giovane che piace a tutti


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.