A- A+
Milano
A Milano è lo Starbucks day: apre il primo negozio italiano

Milano: apre il primo Starbucks in Italia

Un palazzo storico che torna a vivere in tutta la sua eleganza ma con un nuovo ruolo. Starbucks apre oggi a Milano, portando il suo marchio globale per la prima volta in Italia, patria dell'Espresso in cui tenterà di far attecchire il suo modo di fare e intendere il caffè. La location è l'ex palazzo della Posta di piazza Cordusio: legno, ottone, rame, marmi di carrara. L'evento è di quelli attesi, annunciato da più di un anno, preceduto dalle palme in piazza del Duomo, criticate, persino bruciate, ma alla fine diventate parte del paesaggio urbano milanese.

Howard Schultz, patrono di Starbucks, crede fortemente nel progetto, ma ha deciso di entrare in punta di piedi, nel rispetto della tradizione italiana: “Non vogliamo insegnare agli italiani a fare il caffè - aveva detto nei giorni in cui le polemiche e i dubbi sull'operazione fioccavano - siamo qui con umiltà e sappiamo bene che dobbiamo tributare il massimo rispetto al caffè italiano".

Caffè italiano che trova il suo spazio all'interno dei 2.300 metri quadri della Starbucks Reserve Roastery con una miscela speciale pensata appositamente per i nostri gusti. Poi ci sarà un'altra eccellenza alimentare lombarda, quella della gastronomia e del forno di Princi, mentre intorno la tostatura e la torrefazione dei chicchi prosegue perfettamente visibile agli occhi dei clienti. Non un semplice bar dunque, non solo americano e wifi, allo Starbucks milanese si potrà apprezzare la preparazione del caffè e degustarne di 6 tipi diversi, compreso il pregiatissimo Hawai Kau, sempre primo nelle competizioni mondiali (39 euro per 100 grammi).

Un espresso costerà 1,80 euro, la degustazione di 3 miscele 14 euro, poi ci saranno cocktail a base di caffè che arriveranno fino ai 20 euro. Prezzi tutt'altro che popolari per la prima volta di Starbucks nel Paese e nella città in cui tutto è iniziato: “Era il 1983, quando a 30 anni venni a Milano – ha raccontato Schultz - Camminavo per le vie della città e sono stato sedotto dal profumo che si sprigionava dai bar e dal senso di comunità che c'era attorno. Così' sono tornato in America con questa idea- Da allora ho sempre sperato di portare la nostra interpretazione del caffè nella città in cui ho assaggiato la prima tazzina". Ora ce l'ha fatta, forse. Agli italiani l'ardua sentenza.

Commenti
    Tags:
    starbucksstarbucks milano inaugurazione









    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    La "cosa nera"? L'odio della classe oligarchicofinanziaria no border
    di Di Diego Fusaro
    AVIS. “Buon sangue non mente”: parte da Milano un originale contest
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Toninelli, pugno alzato in Aula? L'educazione è data anche dalla laurea
    di Ernesto Vergani

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.