Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Aeroporti, Orio al Serio cerca alleanze a Milano e a Brescia

I presidenti di Sacbo e Sea si sono rivisti per riprendere i dialoghi per nuove alleanze tra gli aeroporti di Bergamo e Milano

Aeroporti, Orio al Serio cerca alleanze a Milano e a Brescia

Sacbo, la societa' che gestisce l'aeroporto di Bergamo - Orio al Serio, ha ripreso a muoversi alla ricerca di nuove alleanze e guarda sia verso Milano, dove con Sea erano gia' state intavolate trattative per una fusione, sia verso il Montichiari di Brescia, negli anni scorsi al centro di un contenzioso legale con i veronesi di Catullo. All'assemblea dell'Anci giovedì a Vicenza, infatti, il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, ha spiegato che i presidenti di Sacbo e Sea si sono rivisti nei giorni scorsi per riprendere i dialoghi. Al tempo stesso tuttavia, secondo il primo cittadino di Milano, Giuseppe Sala, si e' ancora ai "contatti informali". "Per quello che ne so io - ha aggiunto - le cose sono ferme a qualche mese fa quando avevamo ravvisato una non praticabilita' dell'operazione nell'immediato. Io sono favorevole a mettere insieme i due aeroporti. Ci stanno lavorando". Il nodo principale che rimane da sciogliere e' quello della valorizzazione delle due societa'. Altro dossier in campo quello sul Montichiari: secondo quanto riportato dai giornali locali, il sindaco di Brescia, Emilio Del Bono, ha spiegato di vedere bene un rapporto piu' stretto con Bergamo sul tema.

L'aeroporto di Montichiari, la cui concessione e' in mano alla veronese Catullo, dovrebbe essere gestito da una nuova societa' che permetta anche l'ingresso di soci bresciani e questa, secondo alcuni, potrebbe essere l'occasione per stringere un rapporto con Bergamo. (AGI) (AGI) - Venezia, 12 ott. - Contatti fra Sacbo e Brescia, tuttavia, al momento non ce ne sono, anche se il presidente della societa' che gestisce lo scalo di Orio al Serio, Roberto Bruni, ha accennato a un incontro informale con il presidente di Save, Enrico Marchi, che e' socio 'forte' di Catullo con il 40% del capitale sociale. Una situazione questa che ha destato sorpresa e preoccupazione a Verona, presso alcuni soci istituzionali di Catullo, dove oltre a Save ci sono Aerogest, holding controllata da Comune di Verona, Provincia di Verona, Provincia di Trento e Camera di Commercio di Verona, che detiene la maggioranza relativa con il 47%, la Provincia di Bolzano (3,8), la Fondazione Cariverona (2.8) e la Provincia di Brescia (2.1). A destare preoccupazione - come riferisce una fonte vicina alla situazione - e' stata l'iniziativa irrituale dei vertici del socio Save di avviare contatti di potenziale rilievo strategico per Catullo pur mancando agli altri soci un'adeguata informativa sulle linee guida industriali riguardanti i due scali gestiti.


In Vetrina

Aurora Ramazzott e il lato B di Michelle Hunziker: "Lei al mare...". FOTO

In evidenza

Rio de Janeiro, Kenya, Vietnam I viaggi più "caldi" dell'inverno
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

SsangYong: presenta la nuova Rexton

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.