Affaritaliani.it sbarca in libreria: l'instant book sui possibili sindaci di Milano

Venerdì, 5 novembre 2010 - 19:00:00

sindaco

Affaritaliani.it debutta in libreria con Il nuovo sindaco e la nuova classe dirigente di Milano, 60 profili di esponenti dei partiti politici e della società civile ((testi di Fabio Massa, Antonio Prudenzano, Daniele Riosa, Prefazione di Angelo Maria Perrino, Mind Edizioni, 14 euro). "Un omaggio dell’ensemble di Affaritaliani.it – dice il direttore Angelo Maria Perrino, che firma anche la prefazione - a una città e a una comunità che con il suo humus creativo e imprenditivo ha favorito la nascita e il successo del primo quotidiano on line". Affari lancia un sasso, "allargando gli orizzonti della politica e della buona amministrazione" e stila una lista provocatoria, eclettica, credibile che va da Diego Abatantuono a Marco Vitale, passando per Stefano Boeri, Elena Paciotti, Sergio Escobar, Dario Fo, Krizia, Vittorio Sgarbi, Ferruccio de Bortoli, Ilaria Buitoni...

Una lista ragionata, a tratti appassionata, "certamente - come dicono gli stessi autori e giornalisti del quotidiano - non esauriente, né esaustiva, perché molti altri ve ne sono sotto la Madonnina di professionisti, esperti, tecnici in grado di emergere e di mettersi alla guida della città".



Un primo elenco che comprende politici e imprenditori già collaudati nel ruolo di primo cittadino, oppure artisti e personaggi noti, del tutto fuori dai cliché. Tutti presentati nei loro “pro e contro” pubblici e privati. Una lista  destinata a crescere e a muoversi sul web attraverso la sezione Milanoitalia, area di culto del palinsesto giornaliero del primo quotidiano online, letta e compulsata dai milanesi e apprezzata anche fuori Milano. Alla ricerca della guida migliore per una metropoli al top, che fa parte delle dieci alpha world cities,  «la cui cultura e i cui abitanti  – scrive Perrino nella prefazione - influenzano il modo in cui le attività vengono svolte, rendendo “unico” il risultato". Milano quindi città in grado di fare una differenza mondiale, insieme a Londra, Parigi, New York, Tokyo, Chicago, Francoforte, Hong Kong, Los Angeles, Singapore. Non solo  come hub tecnologico e finanziario, ma anche come capitale della creatività. "Oggi – prosegue Perrino  - solo il 15,4% dell’economia milanese è basata sulla creatività, mentre da una città così ci si aspetterebbe il 40% e anche le aziende che possono essere definite creative sono poche: solo 276 su 3000".  E allora? Allora serve una rivoluzione, e per farla ci vogliono un sindaco e una squadra speciali: "indipendenti, liberi da condizionamenti di ceto e consorterie d’affari. Persone colte, competenti, trasparenti, ambiziose, amanti delle sfide e del bene pubblico".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA