A- A+
Milano
Anpi: “Palco aperto al sottosegretario”. Ma è una bugia. E pure bella grossa
Stefano Buffagni

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C'era una volta la coerenza. Su questa cosa del 25 aprile, una roba dobbiamo dircela. Oggi Roberto Cenati, presidente dell'ANPI, su Repubblica al collega Andrea Montanari dice che il sottosegretario del Movimento 5 Stelle se avesse voluto sarebbe potuto salire sul palco anche se generalmente l'ANPI non invita il governo in carica. Questo è falso. Falso perché chi vi sta parlando (e scrivendo) ha telefonato a Cenati - con tanto di registrazione - prima del 25 aprile, proprio per il caso del Movimento 5 Stelle, e gli ha chiesto esplicitamente se avrebbe potuto parlare qualche esponente governativo. E la risposta è stata no. Ovvio che poi il sottosegretario Buffagni abbia sfilato ma sul palco non ci sia andato: non era invitato a farlo e non poteva farlo. Quindi, questa è una bugia. Ma non è una bugia bianca. E adesso, festeggiato il 25 aprile antifascista - antifascista come me, antifascista viscerale, antifascista come mio nonno finito in un campo di concentramento - dobbiamo dircelo: c'è un problema. Ed è bello grosso. Perché non si capisce il motivo per cui il governo cittadino viene rappresentato con il sindaco Beppe Sala. Non si capisce perché il governo regionale viene rappresentato a Varese dal governatore Attilio Fontana. E non si capisce perché il governo nazionale non debba partecipare al 25 aprile. Perché mai? Viene contestato? E amen: nessuno si sogna di impedire ai quattro stupidi filopalestinesi di partecipare al 25 aprile anche se contestano la gloriosa Brigata Ebraica. Al massimo, si dissente. Al massimo, li si fischia. Così si sarebbe potuto fare: perché la liberazione ha prodotto questo risultato, più di tutti gli altri. L'unico davvero importante: che ognuno ha la libertà di esprimere le proprie convinzioni. Che tu sia operaio, o che tu sia primo ministro. Cara ANPI, apri quel palco. La piazza giudicherà, la piazza contesterà o applaudirà. Ma quel palco deve essere libero come la liberazione.

Commenti
    Tags:
    roberto cenatistefano buffagni25 aprile25 aprile milanocorteo 25 aprile 2019 milanocorteo 25 aprile25 aprile festa25 aprile 201925 aprile festeggiamentifesta della liberazioneanpi










    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    La debolezza iraniana e il muro americano
    di Niram Ferretti
    Sì all’ autonomia, ma il patrimonio intellettuale nazionale è unico
    di Ernesto Vergani
    Landini chiede legge su eutanasia. Ma i sindacati non lottavano per il lavoro?
    di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.