A- A+
Milano
Apple Store Piazza Liberty: il progetto ha 15 anni, ma la politica disse no

di Fabio Massa

Guardate la foto. E' piazzetta Liberty. Vi ricorda qualcosa? Vi ricorda la struttura della Apple, con la fontana e la scalinata per scendere nel negozio? Bravi, perché è esattamente piazzetta Liberty. C'è una fontana, e c'è una scala per scendere nei locali sottostanti la piazza. Peccato che il progetto non sia di Norman Foster, e che sotto la piazza non ci sia la Apple ma un'istituzione milanese come il cinema Apollo, che del resto è sempre stato a due passi dalla piazzetta. Il progetto, scovato da Affaritaliani.it Milano, risale a quindici anni fa giusti giusti. Ripetiamo: 15 anni fa. Quindici anni fa la politica non capì come riqualificare la piazza, malgrado l'architetto Riccardo Rocco, uno che di progetti innovativi se ne intende (basti guardare il palazzo del cinema, il nuovo Anteo), gliel'avesse messo nero su bianco.

04 Apollo inserimento (1)
 

L'idea era semplice: trasformare l'Apollo da monosala a multisala per 5 proiezioni simultanee. "Avevamo questa situazione: l’invaso dell'unica sala trovava posto sotto il sedime della piazza a quel periodo utilizzata come parcheggio e per accogliere i dehor di alcuni bar. La piazza era di proprietà privata ma concessa fin dagli anni 50 con una convenzione al Comune. Al cinema si accedeva dalla galleria de Cristoforis da un locale più simile ad una portineria condominiale che all’ingresso di un cinema". Da là, la necessità di cambiare tutto. "Ci risultò subito evidente che per catturare l’attenzione del pubblico e per far comprendere dove era posto il cinema si dovesse coinvolgere la piazza, posizionando in corrispondenza del foyer posto al piano sottostante un volume di vetro che fungesse da ingresso e che contenesse alcune vie d’esodo. Ciò determinava ovviamente la necessità di sgomberare la piazza restituendola ai milanesi liberata dalle macchine". Esattamente quello che è riuscita a fare, 15 anni dopo, la Apple. Ma non è tutto. Perché già allora esisteva un gioco d'acqua. "A contraltare del volume vetrato avevamo ipotizzato una fontana costituita da un monoblocco granitico da cui fuoriusciva un getto che trova a riceverlo una sottile vasca - spiega a Affaritaliani.it Milano Riccardo Rocco - Non fu possibile portare a termine il progetto perché amministrazione di allora non aveva interesse a pedonalizzare un area del centro rinunciando alle auto. Al cinema si continuò ad entrare dalla “portineria”  e pochi milanesi si resero conto che le 5 sale stavano esattamente sotto alle macchine parcheggiate". A consuntivo, però, Riccardo Rocco non ha nulla da recriminare, e anzi fa grandi complimenti all'architetto Norman Foster, reclamando per sè solo l'onore delle armi: "Il progetto realizzato per Apple di fatto mi dice che avevamo avuto un’ottima intuizione. Peccato, e complimenti all’attuale amministrazione per aver consentito la rivalutazione della piazza".

fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
apple store milanoapple piazza libertyapple









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
di Simone Michelucci
Alberto Pezzini rilancia il turismo a Sanremo con "Futura Sanremo"
di Paolo Brambilla - Trendiest
Genitore 1 e genitore 2? Siamo tutti atomi unisex pansessuali e panconsumisti
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.