A- A+
Milano
Atm non sbarca in Argentina. Poco estero ma tantissima Milano. E Trenord...
Atm

di Fabio Massa

I consulenti di McKinsey hanno consegnato il loro progetto preliminare, che adesso sarà vagliato dai vertici di Atm. Ora inizia il tempo dell'affinamento, e delle decisioni finali. Ma quel che è certo è che il piano industriale - secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it Milano - inizia davvero a prendere corpo. I principi di base sono a loro modo rivoluzionari: evoluzione tecnologica, full electric, smaterializzazione completa dei biglietti. L'estero? Solo se è estremamente conveniente. Rimane dunque Copenhagen, dove Atm ha vinto il rinnovo della gara. Ma non ci sarà nessuno sbarco in Argentina. Il Paese sudamericano aveva indetto una gara internazionale per la gestione della metropolitana di Buenos Aires, ma le incognite sono troppe: enormi problemi sindacali, pagamento in pesos, livelli di redditività bassi. Addirittura ad alcuni dirigenti che erano andati a compiere una ricognizione sullo stato dei materiali nei depositi sarebbe stato impedito l'accesso da un picchetto dei lavoratori. Insomma, niente argentina nel futuro di Atm. Ma l'estero non è escluso a priori. Il primo cittadino Beppe Sala pare concordi sul concentrare il core business su Milano, ma senza farsi sfuggire occasioni (come infaustamente successo nel passato con l'uscita da Riad: un contratto con Ansaldo da 6 miliardi di dollari).

Una delle parti più complicate per l'azienda che fa muovere Milano è indubbiamente quella legata alla gara che dovrà essere indetta, e che tanto aveva agitato sindacati e politica, nei mesi scorsi. Con il nuovo codice degli appalti la parte qualitativa varrà per il 70 per cento del punteggio: strategico dunque - come indicato nel piano industriale - puntare sull'evoluzione tecnologica e sul miglioramento del servizio. Rimane tuttavia un'incognita importante soprattutto il tema delle possibili alleanze per reagire ad eventuali minacce esterne. Di certo viene a cessare quella di Ferrovie dello Stato (se mai ci fosse stata), che dopo l'addio di Mazzoncini per mano del nuovo governo giallo verde, pare sia assolutamente meno interessata sia all'estero che all'investimento sul TPL (trasporti pubblico locale) in Italia. Ecco quindi che potrebbe tornare in auge il tema di un rapporto industriale più stretto con Trenord, che sta vivendo fasi convulse, tra la decisione della Regione di scindersi da Ferrovie dello Stato e la contrarietà del governo su questa scissione. Di certo, si aprono grandi prospettive sulle quali la politica locale dovrebbe ragionare a dovere.

fabio.massa@affaritaliani.it

Commenti
    Tags:
    atmtrenord









    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Governo, Salvini ad Affari: "Io penso a elezioni anticipate? Balle spaziali!"
    di Angelo Maria Perrino
    Pd, Minniti e la sua sinistra per i deboli. Non dimentichi la lotta all'Ue
    di Di Diego Fusaro
    Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
    di Simone Michelucci

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.