A- A+
Milano
Boom della birra artigianale. Oltre 160 i microbirrifici lombardi
Fresche, profumate e fatte a mano, la produzione italiana di birre artigianali italiane si conferma un settore in piena espansione, grazie alla creatività di tanti piccoli mastri birrai che han fatto di una passione il loro lavoro. Giovedì 20 agosto è stato presentato a Expo Milano 2015 il rapporto che UNIONBIRRAI ha commissionato a ALTIS – Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica e il ritratto che ne è uscito è quello di una realtà in grande fermento, costituita da centinaia di microbirrifici, brew pub e beer firm che nel giro di qualche anno si trasformano da start up fondate tra amici in aziende che assumono a tempo indeterminato. Ospitato dal Biodiversity Park dell’Esposizione Universale, realizzato da BolognaFiere, l’incontro ha visto gli interventi di Matteo Pedrini (ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società), Claudio Cerullo (Direttivo UNIONBIRRAI) Simone Monetti (Direttore Generale UNIONBIRRAI), Alessio Selvaggio (Direttivo UNIONBIRRAI). Per celebrare in pieno la giornata, la presentazione del rapporto è stata seguita da una degustazione libera e aperta a tutti di birra artigianale biologica, di cui ne hanno giustamente approfittato il pubblico dell’evento e i molti visitatori dell’Esposizione Universale.

100 milioni di euro in arrivo per le birre artigianali

Quella che fino a pochi anni fa era una nicchia di produzione "si sta consolidando soprattutto nella fascia media, che sta producendo sempre di più in volumi" ha spiegato il ricercatore di Altis, Matteo Pedrini. Il mercato della birra artigianale vola nonostante le accise, la difficoltà a penetrare la grande distribuzione organizzata e il pressing dei grandi produttori. La produzione di birra artigianale in Italia è cresciuta del +18,3 per cento dal 2011 lo si evince dal grado di saturazione della capacità produttiva.

Per quanto riguarda la Lombardia, sono oltre 160 i microbirrifici attivi e molti sono in apertura, creando nuove occasioni di lavoro.

Secondo i dati del Rapporto quasi un birrificio su due (46,9%) ha dichiarato di aver saturato la capacità produttiva e di essere dunque vincolato a nuovi investimenti. I piccoli birrifici iniziano a crescere anche per dimensioni, quelle che erano start up tre anni fa oggi sono in grado di avere personale dipendente, oltre che un fatturato medio di oltre 100 mila euro l'anno (per i microbirrifici). "Il settore inizia a creare occupazione - ha commentato il direttore generale di Unionbirrai, Simone Monetti - l'età media degli imprenditori è relativamente bassa e le società di solito non hanno più di uno o due soci". 

La birra per essere un prodotto artigianale deve soddisfare alcune caratteristiche, prima fra tutte quella della produzione in modeste quantità, "per l'Italia si parla di 600-650 ettolitri l'anno per birrificio", ha spiegato Monetti, inoltre non viene pastorizzata e non vengono utilizzate sostanze chimiche e additivi. La birra artigianale italiana è un'eccellenza apprezzata anche nel mondo, il 36% dei produttori artigianali vende anche all'estero.  
Un successo sottolineato anche da Coldiretti: nei primi 5 mesi del 2015 le esportazioni all'estero hanno fatto segnare un +27% rispetto al 2014, con quasi la metà delle spedizioni dirette verso il Regno UnitoLa passione degli italiani per la birra "produce innovazione continua - ha concludo Pedrini - con ricette sempre nuove che sono all'ordine del giorno".

I rapporti di ALTIS per UNIONBIRRAI sul comparto delle birre artigianali vengono realizzati ogni due anni e dal 2011, anno in cui venne rilasciata la prima edizione, registrano una crescita costante del settore del 18,3%. Un aumento complessivo dovuto a una maggiore produttività e a una notevole capacità di innovazione commerciale, dove la distribuzione diretta è abbinata alla vendita online, magari all’estero. Oltre ai numeri, aumenta anche la qualità del prodotto, certificata dai molti premi vinti dai birrai italiani ai concorsi nazionali e internazionali. Il rapporto individua anche gli ostacoli che gli operatori devono affrontare, identificati in un trattamento fiscale disattento alle piccole aziende, nella difficoltà di accedere alla GDO e nella scarsità di produttori locali di materie prime e ingredienti semilavorati, come i luppoli e il malto, che al momento occorre procurarsi soprattutto all’estero. Resta il fatto che il settore non conosce crisi e anzi molti produttori rivelano che l’unico vero limite che incontrano è la capacità tecnica dei loro impianti, che non riescono a soddisfare tutte le richieste del mercato. Per ampliarli servirebbero nuovi investimenti, che però al momento tardano ad arrivare per la disattenzione del sistema creditizio. Gli autori del rapporto ALTIS – UNIONBIRRAI sono però sicuri che presto la situazione si sbloccherà, generando un giro di investimenti quantificabile in 80 – 100 milioni di euro.

Tags:
birra artigianale









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
"Merkel-Macron, principi feriti dell'Ue". Repubblica sempre fedele ai potenti
di Diego Fusaro
Il mercato immobiliare milanese per Marco Giuseppe Stefanoni
Governo, Salvini ad Affari: "Io penso a elezioni anticipate? Balle spaziali!"
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.