A- A+
Milano
Brescia: chiede reddito di inclusione, scopre che per l'Inps è morta da 7 anni

Brescia, chiede reddito di inclusione e scopre che per l'Inps è morta da sette anni

Va alla sede dell'Inps di Brescia per fare domanda per il reddito di inclusione essendo disoccupata e scopre... di essere morta da sette anni. O, quantomeno, così risultava agli uffici, che a quanto pare con questa spiegazione stavano motivando il rifiuto alla sua richiesta di accesso alla misura anti povertà. In quanto deceduta, non ne aveva diritto. La surreale vicenda, raccontata da Repubblica, vede protagonista la 57enne Pierina Solfrini, che risultava morta nel novembre 2011. Evidente l'errore, così come l'imbarazzo. Alla donna non è rimasto che recarsi all'anagrafe per far modificare il suo stato anagrafico. Una volta tornata tra i vivi, ha potuto fare nuovamente richiesta per il reddito di inclusione.

Tags:
brescia morta da sette anniinpsreddito inclusione


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
A Bruxelles il nuovo ordine erotico genderizzato
di Diego Fusaro
Il populismo e i partiti di opposizione al Governo giallo-verde.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Decreto sicurezza, il governo del Cambiamento c’è
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.