A- A+
Milano
Commerciante ucciso, il Riesame di Milano: "Arrestare la figlia"

Commerciante ucciso:Riesame Milano, arrestare figlia

Deve andare in carcere la 45enne Simona Pozzi come mandante dell'omicidio del padre Maurizio Pozzi, commerciante di 69 anni ucciso nel suo appartamento in via Gian Rinaldo Carli, a Milano, il 5 febbraio 2016.

Lo ha deciso il Tribunale del Riesame accogliendo il ricorso dei pm Alberto Nobili e Antonia Pavan (indagini affidate alla Squadra Mobile) contro il no all'arresto da parte del gip arrivato nei mesi scorsi. La donna resta libera in attesa della pronuncia della Cassazione, dato che la difesa ha fatto ricorso.

Commenti
    Tags:
    riesamecommerciante











    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    L'Istituto Tethys continua gli avvistamenti di cetacei nel Mar Mediterraneo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Littizzetto e Fazio dai loro panfili si fanno paladini dei "porti aperti"
    di Diego Fusaro
    Open Arms, Fusaro contro Littizzetto: "Fate una colletta con gli stipendi tv"
    di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.