A- A+
Milano
Confesercenti a Regione: "Stop nuovi centri commerciali, persi 12mila negozi"
Shopping

IMPRESE-LAVORO.COM - Milano – Allarme di Confesercenti Lombardia. Dal 2007 al 2017 le imprese attive nel comparto del commercio al dettaglio in sede fissa, in Lombardia sono calate da quasi 80.000 unità a circa 68.000, mentre la superficie di vendita delle grandi strutture è passata dai circa 3.300.000 metri quadri ai quasi 4.000.000 attuali. Questi i dati evidenziati dalla Confesercenti lombarda, incrociando le rilevazioni delle Camere di Commercio con quelle dell’osservatorio regionale sul settore. “Purtroppo, è la riprova di quanto Confesercenti va denunciando da ben più di un decennio: una triste realtà, avvertita non solo dai commercianti, ma anche dalla generalità dei cittadini lombardi, che ormai da tempo assistono al peggioramento della vivibilità e della sicurezza determinata dalla progressiva “desertificazione” commerciale dei centri urbani». «Un fenomeno che pregiudica anche le più prospere località turistiche, “oasi” sempre più isolate in contesti territoriali ogni giorno meno attrattivi”.

Così Gianni Rebecchi, Presidente della Confesercenti regionale, che evidenzia le novità che hanno indotto l’Associazione a una nuova denuncia sul tema: “se da un lato queste tendenze vanno rafforzandosi col perdurare della stagnazione economica, dall’altro i buoni propositi che hanno portato la corrente legislatura a una temporanea moratoria sui centri commerciali e, quindi, a una revisione dei relativi criteri insediativi, non hanno arrestato l’incessante proliferare di queste strutture”. “In un nuovo progetto di legge regionale, si propone addirittura una semplificazione burocratica per i centri commerciali più impattanti dal punto di vista ambientale, con buona pace dei propositi espressi dalla recente normativa per il contrasto alla cementificazione del territorio”. “Lo sviluppo del commercio elettronico, pur ponendo nuove sfide ai piccoli negozi, non rende anacronistiche queste tematiche», continua Rebecchi. «L’avvento di nuovi attori non fa che rendere ancora più aspra la concorrenza nel comparto – anche tra negozi fisici – peraltro sollevando ulteriori incognite sulla sostenibilità ambientale dei centri commerciali, alla luce del crescente abbandono di queste strutture nei Paesi digitalmente più maturi”. “Quello che chiediamo - aggiunge Alessio Merigo, direttore generale di Confesercenti-Lombardia - è che la Regione – Giunta e Consiglio – vieti l’insediamento di nuovi centri commerciali al di fuori degli storici nuclei urbani, facendo leva sui “motivi imperativi d’interesse generale” che hanno recentemente consentito alla Provincia autonoma di Trento di vietare la concessione di nuove autorizzazioni per le strutture di maggiori dimensioni». «Un’azione che potrebbe essere realizzata entro il termine della corrente legislatura, prima dell’effettivo avvio della campagna elettorale”.

Tags:
confesercentinegozi al dettaglio lombardiacentro commerciale lombardia







A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Moscovici continua a provocare, ma il tempo dell'euroburocrate sta per finire
di Maurizio de Caro
Associazione Italiana Dislessia: a Milano Convegno su libertà di apprendimento
di Paolo Brambilla - Trendiest
Settore Pet Food in Italia: una panoramica del mercato e dati commerciali
di Elena Vertignano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.