A- A+
Milano
Democrazia Minima, crisi della rappresentanza e social media
Il tavolo di discussione su social media e politica

Esiste un quantitativo, una soglia minima di democrazia, sotto la quale possiamo scientificamente deliberare che la rappresentatività democratica è venuta meno a favore del populismo? La frammentazione dell'identità democratica europea ha nei social media una leva che scardina o rafforza il concetto di democrazia? Se n'è parlato in un Forum organizzato a Milano dalla Fondazione Feltrinelli dal titolo "Democrazia Minima" e dall'Osservatorio sulla Democrazia diretto da Nadia Urbinati. Presenti professori, ricercatori, giornalisti, esperti di comunicazione, sindacalisti , politici, parti sociali. Molte le riflessioni e gli spunti. Tra queste quelle del professor Wolfgang Merkel,direttore dell'unità di Ricerca di Democracy and Democratization, la cui ricerca ha mostrato due cose: intanto come all'aumentare della giustizia sociale diminuisca il populismo. In secondo luogo come la divisione tra globalisti e comunitaristi ha divaricato i modelli sociali e politici: tra i fautori di politiche di migrazioni e di scambio, nel primo caso, e di chiusura delle frontiere e di politiche protezionistiche sul piano economico, nel secondo. Il che implementa dentro l'agone politico, condizioni di mobilità o immobilità o di sviluppo ed espansione , oppure di reazioni collettive di chiusura e di paura.

Più interessante ancora, dentro quest'analisi, il contributo offerto tra i tavoli organizzati in mini dibattiti. Quello che è emerso infatti - in un gioco inconscio ad incastro che mostra come una collettività si costituisca attraverso il contributo di elementi diversi - è la perfetta simmetria tra il tavolo in cui si è analizzato il rapporto tra imprese e lavoro e quello in cui si è affrontato il tema della comunicazione e dei social media. Ne è emerso infatti che tra i rappresentanti del commercio, ad esempio, il bisogno di mediare sulla disintermediazione, è giudicato elemento fattivo per impedire di implementare forza lavoro all'interno della categoria commerciale, priva di un contesto di regole. Il che ha simmetricamente trovato una sua piena rappresentanza anche nell'analisi fatta sullo sviluppo dei social media. I quali sono percepiti come strumento partecipativo da parte della gente comune, ma incapace di dare un reale contributo ad un orizzonte culturale e politico leso da un uso egotico della leadership, che diventa quindi apologia narcisistica di una progettualità politica, privata di un orizzonte culturale e ideale. Dunque i social media rischiano di divenire rappresentazione paradigmatica di una frattura della democrazia rappresentativa e che la democrazia diretta non è in grado d'intercettare, o di trasformare attraverso i social. I quali si prestano, a loro volta, in questo modo a divenire strumenti della stessa vita politica, generando un inconscio caos rappresentativo che può generare una patologia della democrazia

20180308 120845 min
 
Tags:
democrazia minima


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Pietrasanta e la scultura contemporanea. Iginio Balderi: geometrie della forma
di Paolo Brambilla - Trendiest
Caro Saviano, Cristo cambiò il mondo vivendo in povertà
di Ernesto Vergani
Governo Lega-M5S: partito unico del turbomondialismo glamour vuole rovesciarlo
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.