A- A+
Milano
Desenzano, babygang: 14 ordinanze di custodia cautelare

Desenzano, babygang: 14 ordinanze di custodia cautelare

Gli agenti del Commissariato di polizia di Desenzano del Garda (Brescia) con il coordinamento del commissario Bruno Pagani hanno eseguito 14 ordinanze di custodia cautelare arrestando su ordine della Procura dei minori ragazzi tra i 15 e 19 anni che il 13 giugno scorso a Desenzano avevano organizzato e portato a termine una spedizione punitiva. Nel mirino della baby gang un gruppo di ragazzi coetanei di Desenzano colpevoli di aver offeso, qualche giorno prima, un loro amico. Nei guai sono finiti ragazzi, italiani e stranieri, residenti tra Bagnolo Mella, Manerbio e Cremona. I fatti erano avvenuti in pieno giorno nel parco Maratona. Altri episodi erano stati denunciati sul lungolago creando allarme tra commercianti e turisti.

Commenti
    Tags:
    desenzanobabygang











    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Grande successo per la serata ELIO ed Epson Moverio, all'Illy Caffè di Milano
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Gualtieri rilancia l'inganno verde. La way-out? Abbandonare il capitalismo
    di Diego Fusaro
    Salone Nautico di Genova. L'evoluzione elettrica del Cantiere Ernesto Riva
    di Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.