A- A+
Milano
Ema, Sala: olandesi sleali, intervenga l'Europarlamento

Ema, Sala: olandesi sleali, intervenga Europarlamento

"Gli olandesi sono stati sleali nei confronti dei cittadini europei, promettendo qualcosa che sapevano non essere nelle loro disponibilita' (pensate se lo avessimo fatto noi!). Chiedo che il Parlamento Europeo intervenga nell'interesse di tutti i cittadini europei, dando cosi' un chiaro esempio di come la politica possa essere giusta e trasparente". Cosi' il sindaco di Milano Giuseppe Sala su Facebook torna sulla vicenda Ema, l'agenzia europea del farmaco che traslochera' da Londra in seguito alla Brexit e che un sorteggio ha assegnato ad Amsterdam e non a Milano.

"La settimana prossima sara' fondamentale per la nostra battaglia su Ema - ricorda il sindaco - Giovedi' 22, infatti, la Commissione Ambiente del Parlamento Europeo (ENVI) visitera' Amsterdam e si rendera' conto della qualita' degli spazi offerti".

Quasi tre mesi dopo l'estrazione a sorte che ha assegnato la sede dell'Ema ad Amsterdam lasciando l'amaro in bocca a Milano, la partita non si e' ancora chiusa. Da quando, alla fine di gennaio, il direttore dell'agenzia Guido Rasi aveva espresso la preoccupazione per i problemi logistici di Amsterdam, sottolineando che l'inevitabile doppio trasferimento richiedera' "piu' risorse e piu' tempo per tornare alle normali operazioni", il dossier e' tornato di attualita'. Si attende la prossima sessione plenaria del Parlamento europeo, presieduto da Antonio Tajani, che il 12 marzo potrebbe rimettere in discussione la decisione.

Il giorno dopo aver chiesto l'intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il presidente di Assolombarda, Carlo Bonomi ha avvertito, in una conversazione con l'Agi, che l'Ue sta "mettendo a rischio i principi fondamentali su cui si fonda". In un momento di disaffezione dei cittadini nei confronti delle istituzioni comunitarie, secondo il presidente di Assolombarda queste dovrebbero "avere la capacita' di riconoscere i propri errori, indipendentemente dall'assegnazione a Milano", per evitare il rischio di "un ulteriore allontanamento dei cittadini da un'Europa che sentono gia' lontana". Bonomi e' convinto che il capo dello Stato "sia la persona giusta per sollevare la questione in Europa, con la sua autorevolezza, assieme al presidente del Consiglio: le piu' alte cariche istituzionali dovrebbero porre molta attenzione a questo passaggio. Se si dovesse proseguire sull'attuale strada, si darebbe il messaggio che le regole europee possono essere infrante, un errore gravissimo per la costruzione europea"

Tags:
emabeppe salaolandesi slealiintervengaeuroparlamento


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Decreto Salvini, si chiama Mattarella, non mattarello
di Angelo Maria Perrino
Cara Milano, <i>Versace</i> da bere. Il creativo? E' a servizio del profitto
di Maurizio de Caro
A Bruxelles il nuovo ordine erotico genderizzato
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.