A- A+
Milano
Esclusivo/ Maroni, il volo business e l'hotel 5 stelle. Il caso del viaggio mancato

di Fabio Massa

La magistratura ha acceso il proprio faro sul World Expo Tour, la missione organizzata dalla Regione Lombardia per promuovere all'estero l'Esposizione universale. Secondo la procura di Busto Arsizio, quello a Tokyo sarebbe stato un viaggio in "stile prima Repubblica". Insomma, un viaggio con tutti i lussi. Peccato che Maroni non ci sia andato, in Giappone, e che abbia incaricato all'ultimo momento il vicepresidente Mantovani, che ha dichiarato di aver speso meno di 25mila euro per sè e le tre persone dello staff. Ma è possibile che i pm abbiano preso un abbaglio così grande? Come è possibile che abbiano intestato a Maroni un viaggio dalle dimensioni ben diverse da quelle che poi si sono effettivamente verificate? Affaritaliani.it può spiegare il perché  con un documento esclusivo: i dettagli della "Missione istituzionale di Regione Lombardia in Giappone".

E allora, chi sarebbe dovuto partire per Tokyo? Roberto Maroni e altre sei donne, una delle quali è l'interprete Michiyo Yamada. La delegazione era composta dalla fedelissima Isabella Votino, la potente portavoce del presidente. Poi ci sarebbe dovuta essere la direttrice Rapporti Internazionali e Raccordo Expo, Maria Luisa Scalise. Poi Federica Da Riva, assistente del presidente. Poi Maria Chiara Grandis, assistente del portavoce. E infine Maria Grazia Paturzo della società Expo 2015, il cui contratto con la società dell'ad Sala è proprio all'origine dell'inchiesta nella quale il governatore è indagato.

Il viaggio era per sette persone in business class, volo Alitalia AZ786. Sul sito internet della compagnia aerea, per sette persone bagaglio incluso un viaggio andata e ritorno in business class formato "base" costa 25mila euro. Per il formato business class "flessibile" (che comporta il rimborso e il cambio prenotazione) il costo lievita fino a 42mila euro. La delegazione avrebbe dormito all'Hotel Park Hyatt di Tokyo, un hotel cinque stelle il cui costo a persona per camera più conveniente (dal sito internet) è di circa 400 euro: facendo una moltiplicazione per le tre notti e per le sette persone il totale sarebbe di circa 8500 euro. Per la suite il costo lievita: quasi mille euro a notte a persona.

Che cosa avrebbe fatto Maroni a Tokyo? Un vero e proprio tour de force. Il giorno dell'arrivo, sabato 31 maggio, avrebbe incontrato il managing director del gruppo editoriale Nikkei Business Publications per una "attestazione di disponibilità a collaborare con la Regione Lombardia per campagne di promozione e eventi in Giappone mirati alla promozione dell'immagine dell'Industria e del Turismo della Regione Lombardia". Il presidente avrebbe anche fatto una "proposta per una campagna di promozione dell'Expo 2015 su tutto il territorio del Giappone" con la "presentazione dell'Evento di promozione della Cultura Alimentare del Giappone che Nikkei BP intende realizzare a Milano nel mese di novembre 2014". In pratica, Maroni avrebbe fatto accordi per fare pubblicità in Giappone. Alla fine, il governatore avrebbe rilasciato una intervista per le riviste del gruppo, "compresa National Geographics edizione giapponese". Due i temi da trattare: "Focus sulla Regione Lombardia per invitare l'industria del Giappone a fare investimenti. Presentare Expo Milano 2015". Domenica primo giugno, invece, l'unico evento per Maroni e il seguito, inserito nel programma della Missione che Affaritaliani.it ha potuto visionare, è la "colazione" (tradotto: pranzo", con i "key players" della comunità italiana. Ad organizzare il tutto è l'Ambasciata italiana. Il luogo dove pranzare è il Ristorante BICE. Il 2 giugno, durante la festa della Repubblica, Maroni ha un incontro fondamentale da "posizionare". E' quello con il vice ministro del METI (Ministero Economia Turismo Industria), la signora Tadahiro Matsushita, che è incaricata di seguire il dossier Expo. Con le il viceministro dell'Agricoltrua Taku Eto, il presidente del JETRO (l'equivalente dell'Istituto Commercio Estero in Italia) e il presidente dell'associazione nazionale per il turismo. Alle ore 12, puntuali, il ricevimento nella residenza dell'ambasciatore italiano per la Festa della Repubblica. Gli invitati? Circa 500 "perlopiù giapponesi", che si sarebbero potuti gustare i filmati promozionali di Expo. Poi un momento con la stampa e altri incontri bilaterali non precisati. Il giorno dopo, alle 12.25, la delegazione di sette persone sarebbe tornata in Italia. Eppure, tutto questo Maroni non l'ha fatto. Perché ha delegato all'ultimo secondo Mario Mantovani. Lui era a Berna, per un'altra tappa dell'Expo Tour.

@FabioAMassa

Tags:
maroniesclusivovolo business


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
La vignetta: quelli del Pd? Bestie rare...
Le malattie mitocondriali al Mito Day
di Mariella Colonna
La sinistra si è venduta al capitale. E con Zingaretti non cambia nulla
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.