A- A+
Milano
Ex direttore Cgil dilapida le pensioni dei frontalieri per mantenere 5 amanti

Ha dilapidato i fondi pensione di centinaia di lavoratori per permettersi di mantenere cinque amanti, frequentare altre escort e concedersi altri costosissimi sfizi. E' ora in grossi guai e condannato a nove anni di carcere Antonio Giacchetta, 52enne ex direttore del patronato Inca-Cgil svizzero. Dal 2001 al 2009 non si è fatto scrupolo, per soddisfare i propri bisogni personali, ad attingere ai contributi che 250 lavoratori frontalieri versavano all'Inca. Sono 76 i lavoratori che si sono costituiti parte civile, residenti tra Como, Varese e la Svizzera. E senza pensione. Divorata da Giacchetta, che ha fatto sparire almeno undici milioni di euro.

Tags:
cgilfrontalieripensioneamantiescort






A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Al voto,con le parole di Salvini ad Affari: in Italia non c'è bisogno del caos
di Angelo Maria Perrino
“La voce Umana”: Alessandra Basile in scena al teatro “Factory 32”di Milano
di Paolo Brambilla - Trendiest
Mouse Trap Formula 1 Grand Prix di Monaco 2019: trappola per topi nel motore
di Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.