Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Ex Palasharp, niente più moschea: Tasca valuta altri progetti

Ex Palasharp, tramonta definitivamente l'ipotesi moschea. Si riapre il dibattito sul destino della struttura, da anni in stato di degrado

palasharp
Ex Palasharp

L'ex Palasharp? Di sicuro, ormai è chiaro, non ospiterà più una moschea. Dopo la revoca del contestato bando per l'assegnazione di spazi da destinare a luoghi di culto, avvenuta ad agosto, la struttura è passata di mano dall'assessorato alle Politiche sociali, non facendo tuttavia ritorno all'assessorato allo Sport. Una recente determina chiarisce infatti: "Il settore Sport ha segnalato che “la struttura nell’attuale stato manutentivo non rappresenta più luogo di intrattenimento con una programmazione varia e intensa di spettacoli ed eventi, ma crea alla città problemi di igiene e sicurezza’’, dimostrando quindi di non avere una progettualità sulla stessa".
Come riporta il quotidiano Il Giorno, la gestione dell'immobile passa dunque ora al settore Demanio. E all'assessore Roberto Tasca in particolare. Che dovrà ora valutare possibili altri utilizzi della struttura e dell'area. Per la moschea, invece, tutto l'iter ripartirà da capo lunedì 17 ottobre, con un consiglio comunale ad hoc.

BONI (LEGA): "PALASHARP SIMBOLO DEL DECADIMENTO DELLA SINISTRA MILANESE" - In merito alla gestione dell’ex Palasharp, passata ora al Demanio del Comune di Milano, è intervenuto il Segretario provinciale della Lega Nord, Davide Boni: “Altro capitolo triste per uno dei luoghi che ha fatto la storia sportiva e culturale del capoluogo lombardo, – commena Boni – la cui gestione viene rimpallata da anni da un  settore all’altro dell’amministrazione comunale milanese. Dallo sport alle politiche sociali, passando ora al demanio: mentre Pisapia prima e Sala ora giocano con le strutture milanesi, l’ex Palasharp è destinato a diventare il simbolo del decadimento e della mancanza di attenzione al patrimonio pubblico da parte della sinistra milanese”. “Luogo di ricovero per immigrati, come annunciato da Sala pochi giorni fa, moschea a cielo aperto per altri, scelta addirittura come una delle aree nel bando sui luoghi di culto,   fortunatamente bloccato, - sottolinea Boni - sta di fatto che, mentre in questi anni si è fatta della pura demagogia attorno all’ex Palasharp, la struttura si sta trasformando in un problema per i residenti, che lamentano la mancanza di sicurezza e il degrado dell’intera zona”. “Il punto è che tutto questo dimostra che la Giunta PD di Milano non ha alcuna idea a lungo termine, - conclude Boni - alcuna progettualità concreta che renda l’ex Palasharp non un problema da gestire ma una risorsa preziosa da mettere a disposizione della cittadinanza, nel campo musicale o anche sportivo, visto la carenza di spazi. L’ennesimo passaggio di gestione della vicenda ad un altro settore della macchina comunale non lascia pertanto presagire niente di buono”.


In Vetrina

Nadia Toffa condizioni di salute: mistero risolto. E spunta un fidanzato!
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it