A- A+
Milano
Festino osé con disabile, arrestate sei persone


Una rimpatriata in famiglia a Reggio Calabria, con cena, festa e fiumi di vino di Cirò: per uno dei partecipanti, disabile, la serata si sarebbe strasformata in un incubo a sfondo sessuale. Per altri - scrive Il Giorno - sei in un brutto sogno di altra natura: fatto di manette, secondini e sbarre. E due di loro lo spettro se lo sono visti arrivare in casa, in un paese del Lodigiano, dove i carabinieri sono andati ad arrestarli sabato mattina, allontanandoli dai figli piccoli e facendo finire lei a San Vittore e lui nel carcere di via Cagnola a Lodi. Dopo giorni e notti di detenzione, i conviventi, assistiti dall’avvocato Giuseppe Cornalba, sono stati interrogati ieri per rogatoria dal giudice per le indagini preliminari lodigiano Isabella Ciriaco: entrambi durante il confronto sono scoppiati in lacrime.

I fatti risalgono a gennaio e si svolgono in una bella villa nei dintorni di Reggio Calabria. Lui, C. F. 53 anni è originario di lì. Lei A.A. 20 anni di meno, di origine marocchina, è la sua nuova compagna. Una famiglia normale, l’uomo con un buon lavoro al Nord, la donna casalinga. A gennaio raggiungono i familiari al Sud, invitati alla festa che è al centro di tutta la vicenda. Tra i partecipanti, una dozzina, c’è anche un trentenne con forte disabilità (il 75% ) che a un certo punto, dopo che tutti hanno abbondantemente bevuto viene come si dice, messo in mezzo: scherzi anche osé, spogliarelli, una catena al collo, forse anche altro. Il tutto sotto gli occhi di due figli delle persone presenti, una bimba di tre anni e un neonato di 8 mesi.

Qualcuno parla di una sorta di ‘bunga bunga’ molto paesano ma nulla di più. Ma con due imprevisti. Primo: il ragazzo disabile finisce al centro degli scherzi sfrenati anche perché deve pagare il torto di aver corteggiato la sorella di una invitata. Secondo: tutta la scena finisce filmata su un telefonino. A notte fonda la presunta vittima viene riportata a casa: appartemente si è divertita. Qualche giorno dopo però il ragazzo mostra alla madre il filmino: le immagini non sono quelle di un gioco scollacciato, ma tutto lascia pensare ad altro. La donna si rivolge agli inquirenti e, alla vista delle immagini, la Procura spicca sei ordini di cattura: si parla di violenza carnale di gruppo su un disabile, aggravata dalla presenza di minori. Il legale ha chiesto per la donna i domiciliari, per consentirle di stare coi figli, Il giudice deciderà, ma intanto restano i ceppi, il rimorso, il dolore delle vittime.

Tags:
festinodisabile









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Milano Vapore. Prosegue impegno su cultura e politica con convegno e concerto
di Paolo Brambilla - Trendiest
Il Tribunale annulla il pignoramento ma la banca non sblocca il conto.
di sotto: Avv. M. Sances e Avv. H. Pisanello
Intervista a Maria Grazia Calandrone. “Siamo un impasto di bene e di male”
di Ernesto Vergani


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.