A- A+
Milano
Fuorisalone 2019: nasce il primo distretto diffuso del design
Fuorisalone

Fuorisalone 2019: nasce il primo distretto diffuso del design

Con l’edizione 2019 del Fuorisalone, dall’8 al 14 aprile, nasce un nuovo modello di distretto: non più legato ad un territorio specifico ma diffuso in diverse zone della città e orientato alla riqualificazione di spazi dimenticati, mai aperti al pubblico nella storia della Milan Design Week.

Il progetto DOS, Design Open’ Spaces, realizzato dagli studi Re.rurban e Emilio Lonardo in collaborazione con il Comune di Milano e con il patrocinio del Politecnico di Milano – Scuola del Design, vede sette spazi dislocati in sei zone diverse “ri-conosciuti” e restituiti alla città con una nuova veste e nuove funzioni, tra interventi di ristrutturazione, esposizioni e installazioni di design, un fitto calendario di eventi diurni e serali spaziando dalla musica live ai dj set, percorsi degustativi e incontri culturali. L’impegno di DOS, organizzazione che nasce dalla collaborazione sinergica tra istituzioni e attori privati, prenderà vita a Brera, Porta Genova, Bovisa, Tortona, Isola e Sarpi.

Il “quartiere generale” del distretto diffuso sarà il Dazio Art Cafè, uno dei caselli daziari della Darsena, eletto ad esempio virtuoso del rapporto tra amministrazione pubblica e privati. Durante il Fuorisalone ospiterà numerose iniziative: una collettiva di giovani designer emergenti, un’area coworking e media, uno spazio libreria, live shooting, tre food truck selezionati in collaborazione con Chef in Camicia e una programmazione di eventi serali con le migliori crew milanesi.  Tra queste: Vitamina; Nøid, con artisti della scena underground europea che non si sono mai esibiti in Italia; Breakout, con il vero suono della “giungla urbana” tra Bass music, Jungle e D’n’B; La Forêt, un nuovo party elettronico, tutto al femminile, nato nel cuore di Milano, tra Chill, Ambient e Nudisco; Record Store Day, una giornata dedicata alla puntina, allo scratch, e al caro vecchio vinile; Arcana, con una live performance sulle note di Bach e Corelli. Tutte le attività si svolgeranno dalle ore 10.00 alle 02.00 in Piazza 24 Maggio, dalle 10 alle 18 nelle altre location.

Nel Dazio in Porta Genova sorgerà per l’intera durata della Design Week una libreria realizzata con Book Catering, realtà che porta libri ricercati in posti insoliti per incontrare nuovi pubblici, selezionando titoli di editori indipendenti che non si trovano in tutte le librerie e, talvolta, nemmeno online. I giovani designer che esporranno nel quartier generale sono accomunati dall’approccio innovativo e dal “pensiero laterale” nel processo di produzione delle opere.

Nel Brera Design District, vengono recuperati due spazi in Corso Garibaldi, ai civici 89 e 91, grazie agli interventi di Marble & Granite Service, che rivitalizza gli spazi con materiali e servizi legati al mondo della pietra naturale, e NovaColor, specializzata nella realizzazione di sistemi continui per pareti e pavimenti. Gli spazi saranno impreziositi dall’esposizione dello studio Frank&Frank, che mette in mostra il progetto Skin Cities: mappe di città iconiche realizzate su pelli colorate.

In via Solari 40, nel Tortona Design District, 28 mq di un ex negozio di ferramenta diventa un mini-appartamento con le funzionalità di un trilocale e con finiture e inserti di pregio. Autore della trasformazione è Milano Abita, società dell’architetto Martina Margaria, famosa per il recupero di piccoli spazi in abitazioni pronte all’uso in cui si fondono funzionalità, comfort ed estetica.

In zona Sarpi, nel Borgo degli Ortolani, si potrà visitare la storica Torre Liprando, torre campanaria che ospita l’installazione “Post Human Design” promossa da The Bench Collective. Un viaggio trans-mediale ambientato in uno scenario futuristico, che applica la realtà aumentata allo stato naturale dell’ambiente.

Con la Milan Design Week 2019, in Bovisa nasce la “Repubblica del Design”, che si localizza nei quartieri di Bovisa/Dergano e prevede dei “consolati” in ulteriori luoghi milanesi che si riconoscono nello spirito della Repubblica. Un nuovo quartiere che si attiva per aggiungere contenuti all’evento. Giovani designer e studi del “distretto dell’innovazione” si alleano per creare qualcosa di inedito.

In via Pepe 38, zona Isola, il progetto “Fashion (for) Revolution” vede coinvolgere alcune produzioni indipendenti della moda chiamate ad animare un ex ristorante abbandonato per renderlo colorato, bello, armonioso e vivo, non solo grazie alla presenza di persone che espongono, ma anche attraverso attività e laboratori. Progetti, marchi, sartorie, stilisti che si occupano di abbigliamento, accessori e gioielli, esporranno affiancati da designer.

Commenti
    Tags:
    fuorisalone 2019progetto dosdesign week










    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Caso Bibbiano, odioso approfittare della fiducia dei bambini
    di Ernesto Vergani
    Pignoramento del Fisco: dopo 60 giorni è INEFFICACE
    Shanghai lancia lo Star Market, ed è subito un grande successo
    di Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.