Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Galvagni (Cisl): "Costruire welfare per tutti, a partire dal territorio"

Il segretario milanese della Cisl Danilo Galvagni: "Welfare, fondamentale stabilire alcuni punti di fermi e di principio"

Galvagni (Cisl): "Costruire welfare per tutti, a partire dal territorio"
Danilo Galvagni

IMPRESE-LAVORO.COM - Milano – “Si fa un gran parlare di welfare in tutte le sue declinazioni: aziendale, territoriale, integrativo e via di questo passo. Il tema è sicuramente interessante, decisivo per un nuovo assetto della società italiana nel suo complesso e, come sindacato, siamo direttamente coinvolti dentro e fuori i luoghi di lavoro”, a parlare è Danilo Galvagni, segretario milanese della Cisl. “Proprio perché quella del nuovo Stato sociale è una questione dirimente, è necessario stabilire alcuni punti fermi, di principio, una bussola per chi poi, concretamente, decide e contratta i servizi e le prestazioni di welfare. Va garantito innanzitutto il sistema universalistico e questo lo può, e lo deve fare solo lo Stato. Le prestazioni private non possono essere sostitutive della rete di servizi di base che il pubblico deve garantire a tutti i cittadini, italiani e immigrati. La convenienza economica (gli sgravi fiscali previsti dalla Legge di stabilità 2016) non può essere la sola motivazione a fare welfare. Si rischia di fare come con il Jobs Act, quando gli incentivi finiscono svanisce gran parte degli effetti positivi. Molti lavoratori fanno fatica a convertire i premi di risultato (soldi in busta paga, magari pochi ma subito) in pacchetti di welfare che oggi ci possono essere e domani no. L’unico modo per rendere stabili i vantaggi acquisiti è inserirli nei contratti collettivi di lavoro. Ci vorrebbe poi un soggetto terzo a garanzia della conformità e dell’attuazione degli accordi. E chi resta fuori? Le partite Iva, i somministrati, i lavoratori autonomi che un contratto nemmeno ce l’hanno e che saranno il grosso dell’occupazione futura? Lo stesso vale per i dipendenti della cooperative e delle piccole e medie imprese. Vanno studiati meccanismi e formule, a partire dalla previdenza integrativa, in grado di colmare queste lacune. Il nuovo welfare, esteso e inclusivo, si costruisce anche dal basso. A Milano, ad esempio, il recupero delle periferie e di importanti aree dismesse (scali ferroviari) deve prevedere nuovi servizi alla persona (badanti di condominio, assistenza domiciliare e integrata, portinai sociale) al passo con i nuovi bisogni della popolazione”, conclude Galvagni.


In Vetrina

Malena e Rocco Siffredi: ecco il backstage del film. VIDEO-FOTO

In evidenza

Vasco Rossi a Modena "Chiesto stop del concerto"
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

DS Automobiles 50 anni dopo la storia si ripete

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.