I Hate Milano

di Mister Milano

A- A+
I Hate Milano
L’Italia affonda, Milano eccelle. Possiamo anche non votare?

Giovedì e venerdì, penultimo e ultimo giorno di campagna elettorale, a Milano ha nevicato ma nessuno se ne è accorto. La città è andata avanti come se nulla fosse, come se tutto fosse normale, come dovrebbe essere in un Paese civile.

A pensarci bene, tuttavia, tra due giorni si vota e anche questa campagna elettorale, vista da Milano, è sembrata un bubbolio lontano, come una partita di calcio ininfluente ai fini della qualificazione. Per non parlare della sfida tra i due candidati alla Regione Lombardia: più che un duello all’O.K. Corral, la gara ha trasmesso gli stessi brividi di una partita a bocce tra due anziani spompati. Senza la vaccata della “razza bianca” probabilmente i milanesi si sarebbero perfino dimenticati della contesa.

In più, causa mancanza di soldi, a questo giro ci siamo finalmente liberati di quello scempio ambientale dei manifesti elettorali, e allora il tutto si è ridotto alle risse verbali sui social, quel wrestling che serve per aggiungere del pepe alle noiose giornate in ufficio, e sentirsi vivi almeno un po’.

Mai come in questi giorni, insomma, il divario tra Milano e il resto d’Italia, a cominciare dalla Capitale, è risultato enorme.

Colpa dei milanesi disillusi dalla politica a causa della crisi delle ideologie? Figuriamoci. Siamo una delle poche oasi ancora immuni ai Cinque Stelle e all’antipolitica (che nel frattempo si è fatta politica, basta vedere la lista dei Ministri presentata da Di Maio, una specie di Governo Monti comprato alla Lidl).

La verità è che i milanesi, da sempre, della politica non hanno mai avuto bisogno. Per una combinazione inimitabile di fattori economici e qualità morali, i milanesi sono riusciti a dare vita non solo ad una delle città più produttive a livello mondiale, ma all’unica metropoli il cui successo si basa proprio sulla lontananza geografica dal cuore politico del Paese.

La politica ha nel suo DNA le chiacchiere, i formalismi, le raccomandazioni, la corruzione... tutte cose che vogliono dire una marea di tempo perso, che notoriamente per i milanesi rappresenta l’equivalente di una bestemmia. La distanza da palazzi e palazzacci, dunque, ha permesso a Milano di correre, e di crescere a prescindere da chi fosse al governo. Democristiani, socialisti, leghisti, forzaitalioti, civici arancioni e riformisti: cambiando l’ordine degli addendi il risultato non è mai cambiato, Milano è sempre stata in testa.

Al punto che oggi è lecita una domanda: che senso hanno oggi, le elezioni a Milano – considerando anche che l’agenda politica cittadina è completamente diversa da quella del resto del Paese? Perché mantenere una classe politica espressione dei partiti nazionali, se tanto per decenni le dinamiche a Milano sono state completamente diverse che altrove (basta vedere la Sinistra, che qui governa d’amore e d’accordo).

Non sarebbe meglio allora un’Assemblea di cittadini, tipo Stati Generali, con facoltà di eleggere i propri rappresentanti delle Arti e dei Mestieri?

L’etica e il rigore dei milanesi impedirebbe le note derive populiste cui una simile idea potrebbe prestare al fianco se venisse attuata in qualunque altro posto della Terra.

L’idea è evidentemente una provocazione, ma fino a un certo punto. Pensate a quante volte, da Bettino in poi, i governanti di Milano hanno provato il “grande salto”, e rivendendosi il “modello Milano” si sono presentati come le persone giuste per guidare il Paese al resto della Nazione.

Prima o poi, hanno tutti fallito. I socialisti, gli ex sindaci Formentini e Albertini, e in ultimo i Civici Arancioni, che quando governavano Milano si consideravano una tacca sotto i Visconti o gli Sforza e oggi sono ridotti a tenere riunioni carbonare a cui partecipano in sei, raggruppati in improbabili ammucchiate davanti a cui un tempo avrebbe esitato pure Mastella.

Non è colpa loro, poveretti. Semplicemente, non si sono accorti che le loro fortune appartenevano ai milanesi e alla città, a cui di loro non importa ne’ è mai importato nulla..

Perché dunque continuare a trasformare in miti dei mitomani? Perché foraggiare una classe di para-guri che per giunta, spesso, ci usa come trampolino per poi andare a incassare palanche in Regione o visibilità a Roma?

Organizziamo un’Assemblea per sistemare quei pochi affari urgenti, lasciamo alla polizia il compito di mettere in pratica la legge sull’apologia del fascismo, e tiriamo dritto.

Come il coro a San Siro: Milano siamo noi.

Tags:
milanoelezioni 2018regionali lombardia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
NAPOLI TECH UNA SCIA DI STARTUP DIETRO APPLE & CO.
di Anna Capuano
Reddito di cittadinanza? Meglio investire sui centri per l'impiego
di Massimo Puricelli
"Merkel-Macron, principi feriti dell'Ue". Repubblica sempre fedele ai potenti
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.