A- A+
Heroes. Dove sono finiti gli idoli
Abbiati torna al Milan e trova il caso-Donnarumma: sliding doors

di Lorenzo Zacchetti

Donnarumma è nato un mese dopo l'esordio in A di Abbiati, che nel suo primo anno da titolare ha portato il Milan allo Scudetto, nell'anno del Centenario. Oggi Gigio ha 18 anni e tutto da dimostrare, il Milan ne ha 118 ed è stato “il club più titolato al mondo” eppure è proprio il giovane pupillo di Mino Raiola a fare il prezioso. Non è l'unica curiosa coincidenza che lega il giovane portiere al suo illustre predecessore.

Il 13 maggio del 2016, al termine della partita con la Roma, Abbiati aveva detto addio al calcio salutando il pubblico di San Siro. Tra i più commossi nell'abbracciarlo c'era proprio Donnarumma, pubblicamente indicato come erede da parte del portiere al quale si ispirava da bambino, già allora tifoso rossonero.

Il distacco tra Abbiati e il Milan è durato un solo anno. Lo scorso 14 giugno l'ex portiere è tornato in società con il ruolo di team manager. Dopo diverse ipotesi (Maldini, Albertini, Leonardo...) è lui il simbolo della vecchia guardia che la nuova proprietà del Milan ha voluto portare a bordo del progetto guidato da Fassone e Mirabelli. Un progetto che, evidentemente, non gode della piena fiducia di Mino Raiola.

Le diverse incognite sul nuovo Milan e la possibilità di guadagnare di più altrove hanno spinto il potente procuratore e il suo giovane assistito a non rinnovare il contratto col Milan. L'annuncio di questa decisione, dato poche ore dopo il ritorno di Abbiati al Milan, ha provocato la rabbia dei tifosi, che sui social network hanno bersagliato Donnarumma di ogni tipo di improperi e taglienti ironie.


Diciotto anni fa, il Milan vinceva uno Scudetto davvero inatteso anche grazie all'improvvisa esplosione di Abbiati, allora solo 22enne. Cresciuto nelle società calcistiche del sudovest milanese (Aurora OSGB di Abbiategrasso, Assago, Trezzano e Corsico), Abbiati aveva giocato anche con Monza e Borgosesia, prima di approdare al Milan nell'estate del 1998. Il suo improvviso debutto è stato il 17 gennaio 1999, al posto di Sebastiano Rossi che era stato espulso per una folle aggressione al perugino Bucchi, in occasione della partita vinta a San Siro per 2-1. Donnarumma sarebbe nato un mese dopo (il 25 febbraio), mentre Abbiati consolidava il suo posto da titolare tra i pali del Milan.

Così convincente da indurre Zaccheroni a lasciarlo in squadra anche dopo il ritorno di Rossi, Abbiati è stato fondamentale nella rimonta dei rossoneri sulla Lazio. Come nel copione di un film, il disegno si è compiuto un girone dopo, quando la superparata del giovane portiere sul campo del Perugia, proprio su tiro di Bucchi, ha consentito al Milan di vincere il suo Scudetto numero 16.

Cosa è successo dopo? La storia di Abbiati continua QUI

Tags:
abbiati torna al milancaso-donnarummamino raiolagianluigi donnarummagigi donnarumma

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Tutti i must e le tendenze dell'autunno 2018
Twins e Giulia Nati alla Milan Fashion Week Women’s 2018
di Paolo Brambilla - Trendiest
Manovra, non Tria ma i tecnici del Mef nel mirino M5s: "Nascondono i soldi"
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.